HomeHOLLYWOODCarriere di celebrità quasi distrutte da falsi pettegolezzi

Carriere di celebrità quasi distrutte da falsi pettegolezzi

Keanu Reeves in posa Jon Kopaloff/Getty Images

Il seguente articolo contiene riferimenti ad aggressioni sessuali

“Una bugia può viaggiare dall’altra parte del mondo mentre la verità si sta ancora mettendo le scarpe”, ha detto una volta l’autore Jonathan Swift. Ironia della sorte, questa citazione è spesso attribuita erroneamente a Mark Twain. Tale è il potere della disinformazione di diffondersi a macchia d’olio. Nell’era dei falsi account Twitter realistici e dei forum Reddit che rovesciano il tè, la capacità di diffondere pettegolezzi con un clic di un pulsante è più pervasiva che mai.

Di conseguenza, l’appetito del pubblico per i pettegolezzi sulle celebrità non mostra alcun segno di rallentamento. Famosi siti di gossip come Deuxmoi hanno portato a una sete insaziabile di tè e informazioni privilegiate. “Il ridicolo di Deuxmoi vive e respira nella completa non verificabilità di tutto ciò che è crowdsourcing da Internet”, ha detto a iD il fondatore di Troixmoi, soprannominato l’assurda sorellina di Deuxmoi. “È tutto così anonimo che niente di tutto ciò potrebbe essere vero, o tutto potrebbe essere vero. Questa è la parte eccitante dell’intera faccenda.”

Ma i pettegolezzi sono solo giochi e divertimento finché non hanno ramificazioni nel mondo reale. Una cosa è speculare, ad esempio, sull’individuazione del principe Harry in cerca di un affare in Walmart, ma un’altra è diffondere falsità su personaggi pubblici. Di conseguenza, il sentito dire può avere un impatto devastante sulla carriera di una celebrità, poiché le persone prendono le chiacchiere per la verità. Come vedremo qui, le piccole grandi bugie non salvano vite: diamo uno sguardo alle carriere delle celebrità quasi distrutte da falsi pettegolezzi.

Elton John ha citato in giudizio The Sun per un articolo provocatorio

Elton John in posa Dia Dipasupil/Getty Images

In quanto omosessuale negli anni ’80, Elton John si trovò spesso soggetto a insinuazioni omofobe da parte della stampa. Alla fine degli anni ’80, il tabloid britannico The Sun pubblicò un articolo infiammatorio affermando che John stava usando i servizi di vari giovani lavoratori del sesso e li ricopriva di cocaina, per Il Washington Post. La “fonte” è stata smascherata come Stephen Hardy, un artista della truffa che è stato pagato $ 4.000 per la sua dubbia storia. Quando le affermazioni di Hardy si sono rivelate una bufala, il giornale ha pagato al cantante di “Rocket Man” oltre $ 1 milione.

Nonostante il fatto che la storia fosse interamente inventata, avrebbe potuto distruggere la carriera di John. A quel tempo, l’omofobia era dilagante e The Sun contribuì pesantemente a questo; il giornale ha pubblicato una serie di titoli anti-gay negli anni ’80. Successivamente, il collegamento dell’outlet di John a un comportamento apparentemente sordido è stato a dir poco una calunnia omofobica.

Scrivendo per l’Evening Standard, l’allora editore di The Sun, Kelvin Mackenzie, in seguito ammise di non aver verificato nessuna delle affermazioni fatte contro John, né di aver indagato sulle fonti. “The Sun è stato costretto a pagare la cifra record di 1 milione di sterline per diffamazione a Elton John per accuse di affitto del tutto false”, ha scritto. “Tanto per controllare una storia. Non l’ho mai più fatto. Fondamentalmente la mia opinione era che se suonava bene probabilmente era giusto e quindi dovremmo inserirlo.”

Lauryn Hill era “ferita” per aver distorto le sue parole

Lauryn Hill si esibisce Kevin Kane/Getty Images

Come membro della band hip-hop Fugees e come artista solista, Lauryn Hill è una delle musiciste più influenti di tutti i tempi. Ma per anni, è stata perseguitata dalle voci secondo cui avrebbe detto qualcosa del tipo “Preferirei morire piuttosto che avere una persona bianca che comprasse uno dei miei album”, durante un’intervista a MTV. Il gossip è circolato per la prima volta nel 1996, grazie a qualcuno che ha chiamato “The Howard Stern Show”, criticando Hill per la sua presunta retorica anti-bianca. Solo che non ha detto niente del genere. Piuttosto, i commenti iniziali di Hill erano una celebrazione dei neri che si godevano la sua musica, senza alcuna menzione dei bianchi. “Quello che stavo dicendo era che faccio la mia musica per i giovani neri perché anch’io sono un giovane nero”, ha spiegato a Stern.

La diffusione del pettegolezzo era essenzialmente una campagna diffamatoria razzista contro il musicista di immenso talento, che era comprensibilmente angosciato dalle affermazioni fallaci. “Questo mi ha davvero, davvero ferito molto”, ha detto a MTV (tramite The Daily Beast), “perché mi piace pensare che la mia musica sia davvero universale… Aveva un gruppo di persone che credevano in qualcosa che non avevano mai visto o non si sono mai sentiti ma hanno solo sentito una voce.”

Sebbene il gossip sia stato sfatato, ha danneggiato la reputazione di Hill per un certo periodo. Negli ultimi anni, tuttavia, ha avuto una rinascita di carriera grazie al suo lavoro nella colonna sonora di numerosi film acclamati, tra cui “Queen and Slim”.

Matthew Kelly ha perso il lavoro per false accuse

Matthew Kelly sorride Dave Benett/Getty Images

Il presentatore televisivo britannico Matthew Kelly è diventato famoso come conduttore di “Stars in Their Eyes”, una competizione di karaoke in cui i concorrenti si sono vestiti come i loro eroi musicali e hanno dato le loro migliori interpretazioni di canzoni d’autore. Nel 2003, Kelly è stata indagata dalla polizia per accuse di abusi sessuali su minori, secondo The Telegraph. Durante le indagini, ha perso il lavoro come conduttore di “Stars in Their Eyes” ed è stato sostituito da Davina McCall. Tuttavia, è stato presto scagionato da ogni accusa e reintegrato come presentatore dello spettacolo. “Era ovvio che non c’era verità in una singola accusa che è stata fatta contro di me”, ha detto in quel momento.

Nonostante non ci fossero prove contro Kelly, i tabloid seguirono la storia e iniziarono ad accusarlo di ogni sorta di comportamento sordido. È stato anche deriso dal comico e conduttore televisivo Frank Skinner, che lo ha accusato di sembrare un pedofilo; una Kelly visibilmente arrabbiata ha affrontato Skinner nel suo spettacolo omonimo, non riuscendo a vedere il lato divertente di tali gag. Successivamente, ha fatto pressioni sul parlamento nel tentativo di proteggere l’anonimato degli imputati fino a quando non vengono accusati di reati.

Parlando con The Times, Kelly ha detto di essere ancora ossessionato dalle affermazioni. “Quando non ti viene concesso l’anonimato, è solo la cosa più terribile”, ha detto. “Terribile. Ed è stata una cosa terribile da fare alla mia famiglia.” Sebbene la carriera di Kelly inizialmente abbia avuto un successo, da allora si è ripreso con numerose esibizioni sul palcoscenico londinese e in fiction televisive.

Se tu o qualcuno che conosci potreste essere vittima di abusi sui minori, contatta la linea diretta nazionale per gli abusi sui minori di Childhelp al numero 1-800-4-A-Child (1-800-422-4453) o contatta il loro servizi di chat dal vivo.

La reputazione incontaminata di Keanu Reeves ha quasi subito un colpo

Keanu Reeves in posa Intrattenimento Stampa/Shutterstock

Una delle celebrità più popolari e senza problemi, Keanu Reeves è una specie di migliore amico di Internet, amato da tutti per il suo altruismo, la natura senza pretese e la convivenza con una donna adatta all’età. Di conseguenza, è probabilmente la celebrità meno probabile che incorra in accuse di aggressione. Ma è esattamente quello che è successo alla star alla fine degli anni 2000, con accuse molto gravi che minacciavano di danneggiare la sua reputazione incontaminata.

Nel 2008, la fotografa dei paparazzi Alison Silva ha affermato che Reeves lo ha colpito con la sua auto e lo ha ferito gravemente. Successivamente, ha citato in giudizio l’attore di Hollywood. In tribunale, Silva ha affermato che le ferite riportate nel presunto attacco lo hanno reso incapace di lavorare. “Quello che è realmente accaduto, l’auto mi ha colpito e sono andato all’indietro e ho cercato di proteggermi”, ha affermato Silva, per Irish Examiner. Si è lamentato del fatto che l’inafferrabile Reeves stesse rendendo impossibile scattare una buona foto di lui, quindi ha ammesso di avvicinarsi continuamente all’attore. Tuttavia, Reeves ha sostenuto che stava tentando di allontanarsi dal fotografo, che era inesorabile nel suo inseguimento, e gli ha gentilmente chiesto di allontanarsi dal veicolo.

Dopo un anno e mezzo di contenzioso, Reeves ha vinto la causa dopo che il fotografo è stato denunciato per aver mentito. Come riporta il Los Angeles Times, l’infortunio al polso che Silva avrebbe subito a causa del presunto attacco di Reeves si è rivelato essere stato effettivamente causato da un infortunio al calcio infantile. Inoltre, è stato mostrato mentre si esercitava in seguito all’incidente, nonostante il suo presunto infortunio che ha posto fine alla carriera.

La debacle del finto gerbillo di Richard Gere

Richard Gere sorridente Andrea Raffin/Shutterstock

Per anni, Richard Gere è stato tormentato da un’assurda voce secondo cui avrebbe usato un gerbillo come sex toy. I pettegolezzi sono iniziati negli anni ’90 dopo che un informatore ha affermato di aver visto Gere in cura in ospedale con un oggetto peloso non identificato nella cavità anale. Ci sono affermazioni secondo cui uno scontento Sylvester Stallone potrebbe aver iniziato la voce come mezzo per offuscare la carriera di Gere, anche se la star di “Rambo” lo nega. “Fino ad oggi [he] mi detesta seriamente “, ha detto Stallone ad AintItCoolNews (tramite New York Daily News). “Pensa persino che io sia l’individuo responsabile della voce sul gerbillo. Non vero.”

La storia è stata completamente smentita. Un giornalista del National Enquirer, uno sbocco che non è esattamente noto per il suo rispettabile reportage, ha ammesso che l’intera faccenda non è “nient’altro che una leggenda metropolitana”, secondo Mel Magazine. Nonostante ciò, i pettegolezzi hanno seguito Gere per decenni. Affrontando la voce in un’intervista con Metro, l’attore ha ammesso che la sua fiducia nella stampa si è quasi estinta.

Come sostiene lo scrittore e attivista LGBT Dan Savage in The Coast, il gossip era radicato nell’omofobia, dal momento che alle persone eterosessuali raramente, se non mai, viene chiesto se mettono oggetti estranei (o animali) nei loro orifizi, ma la domanda del gerbillo è stata imposta sui gay sin da quando è iniziata la voce. “Essere un uomo gay o Richard Gere in America significa dover sempre rassicurare le persone che non hai un gerbillo nel culo”, ha dichiarato.

Zero Mostel è stato inserito nella lista nera grazie ai pettegolezzi

Zero Mostel punta il dito verso la telecamera David Farrell/Getty Images

La lista nera di Hollywood ha rovinato la vita di innumerevoli attori, registi e scrittori negli anni ’40 e ’50. La caccia alle streghe contro gli individui di sinistra è stata accelerata dal “Red Scare”, con il senatore Joseph McCarthy che ha promesso di liberare Hollywood dai comunisti. Di conseguenza, una miriade di celebrità di alto profilo sono state costrette a testimoniare davanti al Comitato della Camera per le attività antiamericane e fare nomi. Una di queste vittime del maccartismo fu l’attore Zero Mostel, che ebbe un’illustre carriera a Broadway e apparve in numerose commedie negli anni ’40 e all’inizio degli anni ’50.

Sfortunatamente, Mostel è stato accusato di essere un membro del Partito Comunista dallo sceneggiatore Martin Berkeley. Nella sua testimonianza del 1955 davanti all’HUAC, Mostel ha insistito sul fatto che Berkeley si sbagliava. Sebbene fosse orgogliosamente di sinistra, con il suo attivismo al centro della falsa accusa di Berkeley, Mostel ha sempre negato categoricamente di essere un membro del Partito Comunista, secondo “Encyclopedia of Jewish American Popular Culture”. A differenza di molti suoi coetanei, ha anche rifiutato di fare nomi. Nonostante le affermazioni sulla sua appartenenza al partito fossero radicate solo in pettegolezzi e speculazioni, Mostel è stato inserito nella lista nera.

La carriera dell’attore è stata distrutta. Ma alla fine degli anni ’60, un salvatore è arrivato sotto forma del venerato regista Mel Brooks, che ha scelto Mostel nel ruolo ormai iconico di “Max Bialystock” in “The Producers”. Ora che si sta godendo un ritorno, Mostel ha fatto luce sulle iniquità del maccartismo interpretando una versione romanzata di se stesso nel film del 1976 “The Front”, diretto dal collega Martin Ritt.

Chingy ha perso un contratto discografico a causa di una bugia

Chingy in posa Gabe Ginsberg/Getty Images

Chingy è stato un rapper molto popolare negli anni 2000, con il suo brano di successo “Right Thurr” che è diventato un inno ruggente del 2003. Ma la carriera di Chingy è stata influenzata negativamente da falsi pettegolezzi. Nel 2010, la modella transgender Sidney Starr ha affermato che lei e il rapper avevano una relazione sessuale, affermando che Chingy ha negato.

Due anni dopo, Starr ha confessato di aver inventato l’intera storia. “Voglio solo che tutti sappiano che le cose che ho detto su Chingy non erano vere”, ha detto Starr a WorldstarHiphop (tramite The St. Louis American). “Ho commesso un errore. Essere [transgender] è difficile e pensavo che quello che stavo facendo mi desse un po’ di notorietà… È stato l’errore più grande che abbia mai commesso in vita mia”. ha rivelato a “VladTV.” “Ciò dimostra che quella persona, che nessuno conosceva, aveva così tanto potere di uscire allo scoperto e dire una cosa negativa su di me e un’intera massa di persone l’ha presa all’istante”, ha detto.

Sebbene Starr non avrebbe dovuto mentire, il danno alla carriera del rapper riflette la dilagante transfobia dell’epoca; Starr, dopotutto, non è la prima donna ad aver mentito sul fatto di aver fatto sesso con una celebrità, ma la ricaduta è stata insolitamente grave. Nonostante la breve stampa negativa, Chingy ha fatto musica ininterrottamente negli ultimi dieci anni. Nel 2022, ha pubblicato il suo brano “Can’t Blame Me”, che, per inciso, affronta falsi pettegolezzi.

I pettegolezzi su Tumblr hanno quasi rovinato la carriera di Mitski

Mitski si esibisce dal vivoTim Mosenfelder/Getty Images

Mitski è una cantautrice che ha ricevuto molti consensi per il suo marchio unico di edificante elettropop. La sensibile cantante sembra quindi un candidato improbabile come capobanda di un giro di traffico sessuale di bambini. Ma ahimè, alcuni falsi pettegolezzi su Tumblr sono quasi costati a Mitski il suo sostentamento.

Nel 2019, un utente di Tumblr ha accusato Mitski di averla abusata sessualmente dall’età di 11 anni e ha affermato che gestiva un giro di traffico sessuale con la sua famiglia, secondo Daily Dot. In un post su Tumblr cancellato da allora (tramite Tone Deaf), il giornalista di Pitchfork Peyton Thomas ha rivelato di aver ricevuto una soffiata dall’accusatore. Tuttavia, ha osservato che i dettagli delle accuse avevano poco senso e successivamente ha dubitato della loro veridicità. “Ho ampiamente verificato le affermazioni di questa persona … Ora mi è molto chiaro che questa storia è un’invenzione”, ha affermato. SU Cinguettio, il collega musicista Greg Rutkin ha detto che la presunta aggressione era impossibile, spiegando che era in tour con la cantante quando presumibilmente è avvenuta e ha trascorso l’intera notte con lei. In una dichiarazione su Twitter poi cancellata (tramite NME), Mitski ha negato categoricamente le accuse; ha suggerito che il suo accusatore stava probabilmente attraversando una crisi di salute mentale e li ha esortati a cercare aiuto.

Non sorprende che la storia si sia rivelata una bufala. Anche se le cose sarebbero potute andare diversamente, la carriera di Mitski per fortuna non è stata influenzata dai perniciosi pettegolezzi: il musicista ha collaborato con David Byrne alla colonna sonora del pluripremiato film “Everything Everywhere All at Once” nel 2022.

Se tu o qualcuno che conosci potreste essere vittima di abusi sui minori, contatta la linea diretta nazionale per gli abusi sui minori di Childhelp al numero 1-800-4-A-Child (1-800-422-4453) o contatta il loro servizi di chat dal vivo.

L’accusatore di Conor Oberst ha finito per dire la verità

Conor Oberst in posa Matthew Eisman/Getty Images

In un caso molto raro di falsa accusa di violenza sessuale, Conor Oberst, frontman della band indie Bright Eyes, è stato ingiustamente accusato di stupro. Nel 2013, un commentatore sul sito xoJane ha affermato che Oberst l’aveva violentata quando aveva 16 anni (secondo quanto riferito, il musicista aveva circa 20 anni all’epoca). Il commento si è diffuso a macchia d’olio, con altri utenti che hanno affermato di aver assistito anche loro al losco comportamento della star indie. Sebbene le false accuse di aggressione sessuale siano estremamente rare (con la maggior parte degli stupri non denunciati), l’accusatore di Oberst ha ammesso che stava mentendo.

L’anno successivo, la donna, rivelata essere Joanie Faircloth, ha rilasciato una dichiarazione riguardante i pettegolezzi che aveva diffuso. “Le dichiarazioni che ho fatto e ripetuto online e altrove negli ultimi sei mesi accusando Conor Oberst di avermi stuprato sono false al 100%”, ha confessato, per Pitchfork. “Ho inventato quelle bugie su di lui per attirare l’attenzione mentre stavo attraversando un periodo difficile della mia vita e cercando di far fronte alla malattia di mio figlio”.

La bufala avrebbe quasi potuto distruggere la carriera di Oberst. Parlando con Vice nel 2017, ha sottolineato che non voleva che la sua esperienza minasse quelle delle tante donne che sono state aggredite sessualmente. “Dicono che una donna su quattro sperimenterà una sorta di violenza sessuale nella sua vita… Quindi, per quanto dolorosa, surreale e incasinata fosse la mia situazione, non voglio mai usare questo come esempio per giustificare qualsiasi cosa”, ha detto.

Se tu o qualcuno che conosci è stato vittima di violenza sessuale, l’aiuto è disponibile. Visitare il Sito Web della rete nazionale di stupro, abuso e incesto o contattare la National Helpline di RAINN al numero 1-800-656-HOPE (4673).

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top