HomeSportsLe lingue straniere che non hai mai saputo che Kobe Bryant potesse parlare

Le lingue straniere che non hai mai saputo che Kobe Bryant potesse parlare

Kobe Bryant sorrideLeon Bennett/Getty Images

Nonostante fosse noto per la sua carriera nella NBA, il compianto Kobe Bryant aveva molti talenti oltre al basket. Mentre suonava per i Los Angeles Lakers, ad esempio, Bryant ha perseguito un’altra sua grande passione: la musica rap. Nel 2000, l’atleta diventato rapper ha pubblicato il suo singolo di debutto, “KOBE”, che includeva Tyra Banks nel coro. Il duo ha anche eseguito la canzone agli MTV Video Music Awards quello stesso anno e ha filmato un video musicale per accompagnare la sua uscita.

“KOBE” doveva presentare l’anteprima dell’album di debutto di Bryant, ma il singolo non ha funzionato come previsto, causando la sospensione dell’intero progetto da parte della Columbia Records. Nonostante la sua carriera rap senza successo, Bryant eccelleva in altri dipartimenti fuori dal campo, come la regia e la scrittura. Il suo primo film, “Dear Basketball”, ha vinto un Academy Award per il miglior cortometraggio d’animazione nel 2018, ad esempio, rendendolo il primo regista (e atleta) nero a vincere in quella categoria.

“Devi fare ciò che ami fare”, ha detto Bryant a USA Today nella sua ultima intervista. “Amo raccontare storie. Amo ispirare i bambini o fornire loro strumenti che li aiuteranno”. L’ex star dei Lakers aveva anche in programma di pubblicare una serie di libri per bambini tramite la sua casa editrice, Granity Studios. “Ho un’idea per un intero universo incentrato sullo sport, la fantasia e la magia”, ha spiegato. “È come se le Olimpiadi e Harry Potter avessero avuto un bambino”. Oltre ad essere uno scrittore di talento, Bryant parlava fluentemente più lingue. Scopri di più di seguito.

Kobe Bryant parlava italiano e spagnolo (e un po’ di cinese)

Parla Kobe Bryant Harry How/Getty Images

Sebbene Kobe Bryant sia nato a Filadelfia, non ha trascorso tutta la sua infanzia negli Stati Uniti. Suo padre, Joe Bryant, ha giocato a basket professionista all’estero, il che ha permesso a Kobe di vivere in Italia dai 6 ai 12 anni. Il giovane Kobe ha vissuto prima a Reggio Emilia , ma ha anche avuto modo di vivere a Reggio Calabria e Pistoia, dove suo padre ha suonato. Non solo Kobe ha iniziato a giocare a basket in Italia, ma è diventato anche perfettamente fluente in italiano.

Nonostante abbia lasciato l’Italia in giovane età, Kobe non ha mai dimenticato la lingua e la parlava nei confronti dei media italiani (come si vede in questa intervista). Kobe, oltre ad essere fluente in italiano, parlava anche spagnolo, grazie anche alla moglie messicano-americana Vanessa Bryant. Quando un giornalista gli ha chiesto dove ha imparato lo spagnolo così bene, il defunto atleta ha detto che era “guardando le novelle” con sua moglie e sua suocera (via Remezcla).

“I tifosi latini sono importanti per me, perché quando sono arrivato [in Los Angeles] sono stati i tifosi che mi hanno abbracciato con più passione”, ha detto in spagnolo durante una conferenza stampa. “Così ho detto loro, ‘dammi due o tre anni così posso imparare un po’ di spagnolo'”, ha continuato. ” Il mio spagnolo non è molto buono, ma posso parlare un po’. Significano tutto per me.” Le sorprendenti abilità linguistiche di Kobe non si fermano qui, però. Altrove, in una diversa conferenza post-partita, Kobe ha persino condiviso alcune parole in cinese.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top