HomeSportsTravis Pastrana non è estraneo agli infortuni gravi

Travis Pastrana non è estraneo agli infortuni gravi

Travis Pastrana sorrideHagen Hopkins/Getty Images

Travis Pastrana si è fatto un nome nel mondo degli sport estremi quando era ancora molto giovane. “È interessante notare che ho iniziato perché non ero abbastanza forte o abbastanza veloce fisicamente per stare con i miei cugini e i miei zii”, ha detto in seguito a Inside Hook. “Ero più giovane e un po’ più piccolo, un po’ più piccolo.”

E ha ricevuto anche il suo primo grave infortunio da giovane adolescente: all’età di 14 anni, un salto è andato così male che la sua colonna vertebrale si è effettivamente separata dal bacino. Pastrana è stato lasciato su una sedia a rotelle per cinque mesi. “Ero la terza persona conosciuta ad aver subito quell’infortunio e gli altri due erano entrambi paralizzati – sono stato molto fortunato”, ha detto alla rivista Coach nel 2015. All’epoca, non la vedeva esattamente in quel modo. Quando le infermiere gli hanno fatto sapere che era abbastanza fortunato da sfuggire alla paralisi, il miserabile adolescente ha chiesto loro: “Volete la mia fortuna?” Ma si è ripreso presto, quando è stato in grado di raggiungere un miglio di otto minuti con la sua sedia a rotelle.

“Non c’è niente che vorrei affrontare che non direi: ‘Ne vale la pena’”, ha riflettuto Pastrana. “Il sogno di ogni bambino è quello di essere un pilota professionista. A 12 o 13 anni, la realtà inizia. Per me, non è così.” E gli altri infortuni che in qualche modo non lo hanno mai convinto a smettere?

Ha investito il proprio piede

Travis Pastrana in competizione da adolescenteDavid Madison/Getty Images

Travis Pastrana è sempre stato incredibilmente disinvolto riguardo alle sue ferite, come ha mostrato un’intervista ESPN dei suoi primi anni. “Mi sono rotto il piede sinistro, il piede destro, la caviglia sinistra e la parte superiore della tibia sinistra”, ha rivelato all’età di 16 anni, riflettendo su ciò a cui aveva già sottoposto il suo corpo mentre cercava di copiare il suo eroe Evel Knieval. “Ha strappato il mio ACL, il mio PCL, il mio LCL, il mio MCL, il menisco del manico del secchio. Mi ha slogato la rotula, ha rotto la piastra di crescita nel mio ginocchio destro.”

E proprio prima di una grande gara, è riuscito a travolgere il proprio piede destro con una motocicletta mentre praticava i suoi trucchi. Pastrana è stato mandato in volo nei boschi vicino a casa sua. “Almeno mi sono mancati i grandi alberi”, ha scherzato. Il suo allenatore ha respinto l’infortunio, osservando: “È solo il piede del freno. Non lo usi molto comunque”. Anche Pastrana era determinato ad andare avanti, come ha detto all’intervistatore. “Non posso camminare e non posso allenarmi, ma posso correre domani”, ha aggiunto. “Correrò sicuramente domani.”

Anche se il suo meccanico ha dovuto avviare fisicamente la sua moto per lui, perché un kickstart regolare avrebbe esercitato troppa pressione sulla caviglia dell’adolescente, Pastrana non si è scoraggiato. Il suo medico ha riconosciuto che all’età di 16 anni il corridore era “all’apice del condizionamento fisico” e che avrebbe “dovuto fare qualcosa di molto sciocco per non guarire”, ma ha aggiunto che sarebbe stato molto sciocco da parte sua “continuare per stressare l’osso.”

Si è schiantato contro il Grand Canyon

Travis Pastrana in sellaDavid Madison/Getty Images

Travis Pastrana ha tentato alcune acrobazie spettacolari ai suoi tempi senza batter ciglio, ma anche lui è rimasto scosso quando un BASE jump nel Grand Canyon è andato storto nel 2002. Il giovane Pastrana aveva invitato i suoi genitori a guardarlo mentre scendeva in bicicletta da una rampa e ha tentato un salto mortale all’indietro, ma è finito per schiantarsi e cadere per 2.000 piedi in aria poiché il suo paracadute non si è aperto in tempo. “Questa è la cosa più spaventosa che abbia mai fatto in vita mia”, ha detto in seguito alle telecamere.

Pastrana è atterrato fortunatamente in un campo di cactus che ha interrotto la sua caduta, come ha ricordato anni dopo. “Non sono mai stato così felice di avere un cactus nel culo”, ha scherzato lo stunt driver al Times, ricordando come ha visto tutto al rallentatore durante quella discesa. “Il tuo corpo blocca tutto il resto. Non pensi, ‘F***, sono morto’, ma, ‘Come posso vivere?’ Due secondi sembrano venti e hai tempo se lo usi.” Come ha ammesso, è stato uno degli unici due incidenti in cui Pastrana ha effettivamente pensato che stesse cadendo verso la morte. Per fortuna, il suo istinto ha preso il sopravvento e il suo corpo si è scontrato con il cactus piuttosto che con il terreno.

Si è strappato il ginocchio ma ha comunque partecipato agli X Games del 2003

Travis Pastrana nel 2003Kevin Winter/Getty Images

Travis Pastrana è diventato famoso per la sua resistenza agli X Games del 2003, dopo aver ignorato i consigli medici e aver rischiato il ginocchio gareggiando. Come disse in seguito a ESPN, un incidente lo aveva portato a strappare e dislocare più legamenti. Il suo medico lo ha avvertito che era necessario un intervento chirurgico, secondo quanto riferito insistendo: “Non dovresti nemmeno camminare su quella cosa. Se sbagli un passo, hai 30 minuti prima di morire dissanguato”.

Solo pochi giorni prima che avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento di chirurgia ricostruttiva, è partito per Los Angeles. La madre di Pastrana era così scontenta che fosse salito sull’aereo che, secondo quanto riferito, ha inviato guardie armate per fermarlo, ma lo stuntman li ha evitati e gli ha fasciato tutta la gamba per partecipare. E quando ha portato a casa con successo una medaglia d’oro per il suo storico backflip 360, sua madre lo stava applaudendo tra la folla.

Alla fine, ha sconfitto alcuni dei migliori atleti Moto X dell’epoca con il suo punteggio finale di 94,67. “I miei punti di forza e di debolezza sono gli stessi”, ha spiegato Pastrana ai giornalisti dopo la sua vittoria. “Ho la volontà e la stupidità di provare qualsiasi cosa. Se penso che sia anche lontanamente possibile, lo farò.”

Ha rimandato l’operazione alla spalla per anni

Travis Pastrana nel 2012Rainier Ehrhardt/Getty Images

Travis Pastrana non è estraneo alla chirurgia. “Il mio unico vero obiettivo è sottopormi a meno interventi chirurgici della mia età”, ha detto al Times nel 2016. “In questo momento sono legato a 32 anni”. Ma ha rimandato un intervento chirurgico in particolare per quasi un decennio: sebbene la spalla di Pastrana si fosse deteriorata al punto da uscire dal suo alveolo un paio di volte in ogni gara, non voleva affrontare il processo di recupero di quattro mesi che avrebbe Seguire.

“Ma stava diventando impossibile fissarlo”, ha ammesso, ricordando come era in grado di rimetterlo a posto con il nastro adesivo. “Non era rimasto nulla del labbro. La mia spalla usciva e tornava subito dentro. Ma non succedeva più.” Nel 2012, ha dovuto stringere i denti e perdere l’ultima gara della serie Global RallyCross di quell’anno. “È diventato pericoloso e non volevo correre altri rischi con me o con chiunque altro in pista”, ha dichiarato Pastrana.

Sebbene fosse risentito per aver perso le gare, il pilota ha confessato di voler tornare in forma per Daytona. “In questo momento, sto intenzionalmente perdendo un po’ di movimento nella mia spalla, quindi si blocca saldamente e non esce tanto”, ha continuato, descrivendo quanto sia stato difficile per lui le prime fasi della riabilitazione della spalla. “Tra qualche mese, inizierò l’allenamento della forza.”

Ha quasi subito un’amputazione nel 2013

Travis Pastrana con un'autoJennifer Stewart/Getty Images

La pausa più lunga di Travis Pastrana dal mondo degli sport estremi è arrivata quando si è rotto la caviglia nel 2013, come ha detto alla rivista Coach due anni dopo. “Sono stato in grado di iniziare a camminare in poco meno di un anno, ma non ho pedalato per 18 mesi – è stato un bel cambiamento di vita!” ha ammesso. “Per un mese i dottori non mi hanno permesso di tenere la caviglia sotto il cuore perché avevo 40 fratture e fili elettrici in tutto il piede e hanno detto che se si fosse gonfiato avrebbe spostato le ossa e si sarebbe fuso in quel modo”.

Ha anche rivelato che i medici hanno persino suggerito che “l’intera cosa” potrebbe dover essere amputata. “Ma lentamente è migliorato e hanno tolto i perni e i fili ed è andato tutto bene”, ha ricordato Pastrana, aggiungendo che non è mai stato così spaventato dalla possibilità di perdere parte del suo corpo. “Ho sempre pensato che sarebbe andato tutto bene e non volevo sentire parlare di quell’alternativa.”

Come ha detto al Sydney Morning Herald, questo tipo di infortunio rende difficile ricordare quante ossa si è rotto. “È davvero confuso, perché l’anno scorso mi sono rotto sette ossa della gamba, della caviglia e del piede, ma ho rotto quelle sette ossa in 40 punti”, ha riflettuto nel 2014, riferendosi all’incidente che lo ha portato fuori dal gioco per mesi. “Quindi è quello, perché è un infortunio, sette perché sono sette ossa, o 40 perché sono 40 fratture?”

Il suo polso era fuso

Travis Pastrana salutaEthan Miller/Getty Images

Dopo tutte le sue acrobazie rischiose, il polso di Travis Pastrana non sarà più lo stesso. L’autista l’ha fatto fondere chirurgicamente poco prima di Natale 2020, come ha rivelato su Instagram. La fusione del polso è un intervento chirurgico comunemente usato per trattare l’artrite e gravi lesioni al polso.

Dopo aver ottenuto l’operazione, Pastrana ha ammesso che avrebbe fatto la differenza per alcune delle sue acrobazie in bicicletta. “Quindi ora, il mio polso sinistro non si piega. Il polso è solidale al braccio”, ha detto a Inside Hook. “Fortunatamente è sul mio lato sinistro, non sul lato dell’acceleratore, altrimenti sembrerei un pollo quando guido.” Ha sostenuto che invece di essere un ostacolo, la sua nuova inflessibilità lo ha sfidato a inventare nuove tecniche. “Devi imparare di nuovo un sacco di cose”, ha aggiunto l’autista. “Anche la mia caviglia è parzialmente fusa. Il mio ginocchio non funziona, quindi non posso piegarlo fino in fondo. Quindi, certi trucchi che non puoi fare, e certi trucchi, onestamente ti rende più forte per questo.” Ha anche spiegato di essere stato costantemente ispirato da atleti disabili che hanno eseguito acrobazie pericolose su sedia a rotelle contro ogni previsione.

Pastrana ha anche negato di essere mai stato spaventato da cambiamenti permanenti come il suo polso, a differenza di molte persone che affrontano blocchi mentali dopo gli infortuni. “Non l’ho mai avuto”, ha affermato. “Forse sono troppo sicuro di me, o immagino solo pazzo, se vuoi, ma è quello che amo.”

Ha avuto più di 20 commozioni cerebrali

Travis Pastrana guarda in bassoJared C.Tilton/Getty Images

Dato il numero di incidenti che Travis Pastrana ha avuto, i fan potrebbero presumere che sia a rischio di encefalopatia traumatica cronica o CTE. “La gente mi chiede quante commozioni cerebrali ho avuto e ho 20, 30 anni? Non ricordo”, ha detto alla rivista Hero. Ma quando ha iniziato a seguire le precauzioni di sicurezza durante il tour Nitro Circus, Pastrana è stato messo alla prova. “È stato davvero bello scoprire che eravamo tutti chiari anche con la quantità di commozioni cerebrali che abbiamo avuto”, ha rivelato. È stato anche più preoccupato per le conseguenze a lungo termine di tutte quelle ferite alla testa da quando è diventato un padre di famiglia. “Mi sono sentito davvero male per i miei genitori quando me ne sono reso conto, ma la prima volta che vedi tuo figlio farsi male, è come se inizi a pensare: ‘Beh, questo avrebbe potuto essere prevenuto'”, ha aggiunto lo stunt driver.

In un’intervista con DirtRider, Pastrana ha spiegato cosa gli ha detto un medico quando ha iniziato a preoccuparsi del trauma cranico. “Se mai hai due colpi esattamente uguali, nello stesso identico punto, c’è il 100% di possibilità di danni cerebrali”, ha affermato, insistendo sul fatto che questo era più probabile per le calciatrici che per le stelle degli sport estremi. “Non ho danni cerebrali.” Pastrana ha anche aggiunto che ci vuole lavoro per evitare che un corpo ferito si deteriori. “Molte persone si fanno male, iniziano a bere di più”, ha concluso. “Se vivi davvero pulito, puoi guarire quasi tutto. Fai scorrere quel sangue, puoi ricollegare qualsiasi cosa.”

Si è persino ferito durante il sonnambulismo

Travis Pastrana sorrideRich Fury/Immagini Getty

Anche nel sonno, Travis Pastrana è finito ferito, grazie al suo persistente sonnambulismo. “Per farla breve, ci sono molte spiegazioni sul perché vedo cose e urlo e corro quando dormo”, ha detto alla rivista Hero. “Mi sono fatto saltare un dente una volta che mi sono tuffato giù per le scale.” Dopo essersi aperto sui suoi terrori notturni, Pastrana si è presto reso conto che molti altri atleti estremi soffrivano dello stesso problema, come ha detto a Graham Bensinger. Ha anche rivelato di aver cercato di risolvere il problema nel corso degli anni perché ha interferito con il suo processo di guarigione. “Ho le ossa rotte o qualcosa del genere e mi alzo ancora”, ha ammesso Pastrana. “Mi sveglio e sto saltando, mi rendo conto di avere una caviglia rotta quando sono in aria”.

Non ha memoria durante la maggior parte delle sue notti agitate, ma può camminare abbastanza lontano e aprire le porte. “È una buona ragione per me non dormire nudo, di sicuro”, ha scherzato Pastrano, ricordando un Mardi Gras in cui è finito alla scrivania di un hotel in mutande. L’altro suo scenario da incubo prevedeva un memorabile volo in aereo, dove “è decollato correndo a tutta velocità, urlando, lasciando cadere tutti i tipi di parole di quattro lettere”. L’aereo non era ancora decollato, ma un assistente di volo molto paziente dovette essere gentilmente rimproverato. “Ho dovuto tornare indietro passando davanti a tutti i miei amici e a tutte queste persone che erano completamente pietrificate”, ha ricordato lo stuntman.

Si è rotto l’anca e la schiena nel 2022

Travis Pastrana sorrideVince Mignott/mb Media/Getty Images

Travis Pastrana ha fatto notizia nel gennaio 2022 quando un BASE jump è andato male ed è precipitato da un hotel di Fort Lauderdale senza un paracadute correttamente schierato. “Un’acrobazia durante quell’evento non è andata come previsto, provocando un duro atterraggio di un paracadutista che si è lanciato dall’Hyatt Hotel”, ha detto alla stampa il capo dei vigili del fuoco locale, per TMZ, confermando che lo stunt driver era stato portato d’urgenza in ospedale. “L’intervento è andato bene ed è entusiasta di tornare a casa”, ha assicurato il suo addetto stampa ai giornalisti.

Pastrana ha aggiornato i fan dal suo letto d’ospedale su Instagram, rivelando che stava girando per un video acrobatico. “È stato assolutamente epico fino a quando non lo è stato”, ha scherzato. “Ho avuto la meglio qui fuori, dandomi i migliori consigli, ma una serie di sfortunati eventi mi ha portato a trovarmi in una brutta situazione”. Lo stunt driver ha aggiunto che il suo corpo si sarebbe sicuramente ripreso e ha ringraziato tutti i suoi sostenitori, rivolgendo un grido in particolare a sua moglie.

“Tutto sommato, nonostante tutte le decisioni sbagliate che ho preso, sono felice che non sia andata peggio”, ha riflettuto Pastrana, spiegando che anche se avrebbe dovuto abituarsi a indossare un catetere per un po’, sperava di riuscirci. torna alle acrobazie il prima possibile. “E mi scuso con la comunità del BASE jumping per aver reso più difficile divertirsi con oggetti fantastici.” In seguito ha confermato di essersi rotto l’anca e la schiena.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top