HomeMusicCelebrità che hanno scaricato su Diddy dopo l'inquietante perdita del video di Cassie

Celebrità che hanno scaricato su Diddy dopo l’inquietante perdita del video di Cassie

 

Diddy sembra scioccato con gli occhiali da sole

Gilbert Carrasquillo/Getty Images

Il seguente articolo include accuse di violenza domestica.

Il 17 maggio 2024, Sean “Diddy” Combs è stato catturato da un filmato di sorveglianza ottenuto dalla CNN mentre aggrediva la sua allora fidanzata, Cassie Ventura, all’InterContinental Hotel di Los Angeles. La clip inquietante, datata 5 marzo 2016, mostrava Diddy con solo un asciugamano intorno alla vita, che correva lungo un corridoio prima di attaccare ripetutamente Ventura mentre aspettava un ascensore. Dopo l’uscita del video, Diddy ha tentato di scusarsi pubblicamente; Ma, non sorprende che le immagini orribili nel filmato abbiano suscitato forti reazioni da parte degli utenti dei social media e delle celebrità.

Il rapper Bobby Shmurda è andato su Instagram, sparando al comportamento di Diddy. “Perché dovresti mettere le mani su una sorella, soprattutto se sei multimilionario?” Shmurda interrogato nella clip. Allo stesso modo, il comico DL Hughley ha chiamato fuori Diddy, chiedendo agli uomini di assumersi il compito di proteggere le donne. “La protezione della femminilità richiede che tu debba sacrificare qualcosa per te stessa, e potresti dover fare la cosa giusta, anche se potrebbe costarti denaro,” ha detto Hughley in un video condiviso sul suo Instagram.

Il comico Cedric The Entertainer ha reagito al video, descrivendolo come “inquietante”, “deplorevole” e “decisamente diabolico”. “Come padre di figlie e giovani, deve prendersi del tempo reale per espiare la sua anima e quella di tutte le anime che ha toccato”, ha scritto nella didascalia. Tuttavia, Cedric, Hughley e Shmurda non sono state le uniche star a scaricarsi su Diddy dopo che il video è trapelato, poiché molti altri si sono espressi contro il rapper.

50 centesimi

 

50 Cent in posa

Derek White/Getty Images

Il 17 maggio, 50 Cent si è rivolto a X, precedentemente noto come Twitter, condividendo il filmato di sorveglianza insieme a una didascalia sarcastica che faceva riferimento alla precedente negazione delle accuse da parte di Diddy. “Ora sono sicuro che Puffy non è stato lui, è innocente e questo non prova nulla! Questo è ciò che diranno i suoi avvocati, Dio ci aiuti tutti”, si legge nel tweet. Il rapper di “In da Club” ha condiviso una reazione successiva, questa volta, rispondendo al video di scuse di Diddy. “Non funzionerà, chi gli dà consigli in questo momento? SMH pessima mossa,” ha twittato, riferendosi alle dichiarazioni di rammarico del magnate della musica.

Ma ovviamente, la reazione di 50 Cent al video non è stata una sorpresa, data la sua presunta faida di lunga data con Diddy. La presunta polemica, risalente al 2006, è decollata dopo che 50 Cent ha pubblicato “The Bomb”, una traccia diss che allude a molte affermazioni, inclusa la presunta conoscenza di Diddy delle circostanze relative all’omicidio di Biggie Small nel 1997. Dopo “The Bomb”, 50 Cent ha continuato a chiarire che non c’era alcun amore tra lui e il fondatore della Bad Boy Records.

Quando le case di Diddy a Los Angeles e Miami furono perquisite dall’FBI nel marzo 2024, 50 Cent alluse alla colpevolezza del magnate della musica, sottolineando che sarebbe stato difficile per le autorità ottenere un mandato senza prove. “Ora non è Diddy a farlo, è Diddy che lo ha fatto [shrug emoji] non vengono così a meno che non abbiano un caso,” ha scritto su X.

Claudia Giordano

 

Claudia Jordan sorride compiaciuta

Matt Winkelmeyer/Getty Images

L’ex star di “Real Housewives of Atlanta” Claudia Jordan non ha trattenuto parole nel parlare pubblicamente contro Diddy. “Se è così che hai trattato qualcuno che ‘amavi’, posso solo immaginare gli orrori che hanno sofferto i tuoi nemici/oppositori”, ha scritto Jordan nel suo post su Instagram riguardo al filmato di sorveglianza del maggio 2024. Il personaggio televisivo si è anche scagliato contro i critici che in precedenza avevano difeso Diddy dalla causa di Cassie del novembre 2023. “Le donne hanno bisogno di 50-11 testimoni, cartelle cliniche e filmati di sorveglianza per essere credute, ma è comunque colpa nostra se ‘ci mettiamo in queste situazioni'”, ha aggiunto.

Jordan aveva precedentemente accusato Diddy di trattenere intenzionalmente Quincy Brown, il primo figlio di Kim Porter dal suo matrimonio con Al B. Certo! – lontano dal suo padre biologico, Sure, di cui Jordan ha detto di essere stata precedentemente amica. “Credo [Sure] è stato spinto fuori da Diddy. Credo che Diddy abbia corteggiato Quincy… Porta i suoi figli a bere, uscire e festeggiare. Quale ragazzo giovane e di bell’aspetto non vorrà accettare una cosa del genere?”, ha chiesto durante un episodio di “TEA GIF” dell’aprile 2024.

Durante l’episodio, Jordan ha anche alluso di credere alle voci sul coinvolgimento di Diddy nel coma di due mesi di Sure nel 2022. “Si stava allenando per quegli incontri di boxe di celebrità e poi cade in questo coma ed è quasi morto”, ha spiegato la star del reality. Nel 2022, Sure è misteriosamente entrato in coma dopo essersi ammalato quasi mortalmente a causa di molteplici condizioni, inclusa l’insufficienza renale.

Aubrey O’Day

 

Aubrey O'Day in posa

Allen Berezovsky/Getty Images

Dopo la pubblicazione del filmato di sorveglianza dell’hotel, la cantante Aubrey O’Day si è rivolta a X, prestando il suo sostegno a Cassie e a tutte le vittime di abusi domestici. “Il quadro sta diventando molto più chiaro per tutti voi, quanto posso immaginare… i sopravvissuti agli abusi o chiunque si attivi facilmente potrebbe non voler guardare (le immagini sono inquietanti). Preghiere per tutte le sue vittime”, ha scritto insieme a una clip del video. filmato.

In un tweet separato, O’Day ha espresso le scuse pubbliche di Diddy, definendola una mossa poco sincera ed egoistica. “Diddy non si è scusato con Cassie… Si è scusato con il mondo per aver visto quello che ha fatto”, ha scritto il cantante insieme a un’immagine della dichiarazione iniziale di Diddy che negava le affermazioni di Cassie nella sua causa del novembre 2023. Insieme a molte altre celebrità, O’Day ha parlato a sostegno di Cassie dopo aver intentato una causa contro Diddy. “Sono anni che provo a dirvelo. Preghiere per questa regina”, scrisse la cantante sulla sua storia su Instagram in quel momento (tramite US Weekly).

Dalla sua partenza da Danity Kane – un prodotto della serie “Making the Band” di Diddy – O’Day ha avuto un rapporto controverso con Diddy, spesso accusando il magnate della musica di maltrattamenti durante il tempo trascorso insieme. “È molto difficile lavorare con Puff. Tutto doveva essere perfetto… Eravamo spaventati a morte da quello che sarebbe successo a Puff ogni giorno. Non c’era spazio per gli errori.” O’Day ha raccontato in un’intervista del 2019 a Variety.

Carlo Magno, Dio

 

Carlo Magno, Dio che sorride

Leon Bennet/Getty Images

In un episodio di maggio di “The Breakfast Club”, il conduttore radiofonico Charlamagne tha God si è sfogato con Diddy, chiamando il magnate della musica per le sue false scuse. “Non è dispiaciuto, gli dispiace di essere stato catturato. Gli dispiace che il video sia trapelato, ok? Se quel video non fosse uscito, starebbe ancora mentendo in questo momento”, ha ipotizzato. Nella conversazione, Charlamagne ha anche messo in dubbio l’integrità di Diddy, considerando la sua precedente negazione delle accuse di Cassie. “Perché offrirsi volontario per mentire? Perché impegnarsi così tanto nel dire alla gente che sei innocente quando sai che là fuori ci sono prove del genere che esistono”, ha sfidato il conduttore radiofonico. Durante una successiva apparizione su “The View”, la personalità dei media ha descritto le azioni di Diddy come un effetto di questioni sociali come il patriarcato.

Charlamagne aveva precedentemente espresso sentimenti contrastanti riguardo all’eredità di Diddy in seguito alle incursioni nelle sue tenute di Los Angeles e Miami. “Non mi piace solo perché è triste. Quante eredità di persone abbiamo visto radere al suolo?… Hanno contribuito alla cultura in modi reali prima che sapessimo qualcosa di tutto questo,” ha condiviso durante un episodio di “The Brilliant Idiots”.

Il conduttore radiofonico aveva già lavorato con Diddy mentre il magnate della musica era presidente di Revolt TV, il canale via cavo che aveva lanciato nel 2013. Un anno dopo il suo lancio, Revolt TV ha firmato un accordo per mandare in onda “The Breakfast Club”. Dopo oltre sette anni di collaborazione, “The Breakfast Club” e Revolt TV hanno concluso la loro partnership nel 2021.

I co-conduttori di View

 

Whoopie Goldberg, sorridente

ABC/YouTube

Il panel di “The View”, composto da Ana Navarro, Whoopi Goldberg, Sunny Hostin e Alyssa Farah Griffin, ha condiviso i loro pensieri sul video di sorveglianza che mostra Diddy che aggredisce Cassie e sul successivo video di scuse. Dopo aver spiegato che il rapper non poteva più essere accusato dal Dipartimento di Polizia di Los Angeles a causa dei termini di prescrizione dello stato, Navarro ha esortato il pubblico a ostracizzare il rapper come conseguenza delle sue azioni. “Guarda, la polizia di Los Angeles potrebbe non essere in grado di accusarlo, ma noi siamo in grado di evitarlo, e dovrebbe essere trattato come il lebbroso, il lebbroso sociale e il criminale che è”, ha condiviso durante la discussione.

Affrontando anche il video delle scuse, Hostin ha sottolineato l’insincerità di Diddy, sottolineando che Diddy si è scusato solo per salvare la sua immagine pubblica. “Non penso che il video che abbiamo visto cambierà l’opinione del pubblico su di lui, perché non l’ho sentito dire: ‘Mi dispiace, Cassie.’ Non l’ho sentito. Ho sentito: ‘Mi dispiace’, ho sentito molto, sai, ‘Ho cercato aiuto'”, ha spiegato Hostin.

Anche Goldberg ha fatto eco al sentimento di Hostin, aggiungendo che Diddy si è scusato solo perché è stato catturato e non perché era veramente dispiaciuto. “È più facile dispiacersi dopo che le persone scoprono che hai mentito, perché hai detto di non averlo fatto”, ha condiviso Goldberg.

Il sindaco Eric Adams

 

Parla il sindaco Eric Adams

Jamie McCarthy/Getty Images

Il sindaco di New York Eric Adams ha parlato del video di sorveglianza, descrivendo le azioni di Diddy in un video come “agghiaccianti”, rivelando che la sua squadra stava valutando la possibilità di revocare la chiave di Diddy alla città. “Il comitato e il team non hanno mai revocato una chiave prima, ma ora ci sediamo per vedere quali saranno i prossimi passi avanti”, ha condiviso Adams parlando a PIX11 News.

Due membri del Consiglio della città di New York hanno condannato pubblicamente il filmato a TMZ, incoraggiando Adams a revocare “immediatamente” la chiave. “Come molestatore, Diddy ha perso il diritto di avere un tale onore e dovrebbe essere ritenuto responsabile delle sue azioni. Il sindaco Adams dovrebbe dare l’esempio e portarlo via”, ha detto un membro del consiglio.

Nel settembre 2023, Adams ha assegnato a Combs, nato ad Harlem, la chiave come riconoscimento per il suo contributo all’industria musicale. “Sean Combs è l’incarnazione dell’atteggiamento di New York City… Nonostante tutti i suoi successi, Sean non ha mai dimenticato da dove viene”, ha condiviso Adams all’evento tenutosi a Times Square. Secondo il sito ufficiale di New York City, la chiave della città è riservata a coloro “il cui servizio al pubblico e al bene comune raggiunge il più alto livello di realizzazione”. Considerata la gravità delle accuse mosse a Diddy, il sindaco Adams e la città di New York hanno certamente motivo di mettere in dubbio questo conferimento.

Shine

 

Shyne sorride

Johnny Nunez/Getty Images

Il rapper diventato politico Shyne Barrow ha condannato pubblicamente Diddy in un post condiviso sul suo Instagram. “Denuncio con veemenza il comportamento ripugnante di Sean Diddy Combs catturato nel video in cui lo si vede aggredire fisicamente la signora Cassie Ventura-Fine”, ha dichiarato Shyne. Il politico del Belize ha descritto le azioni di Diddy come “diaboliche”, sottolineando che non voleva “niente a che fare” con Diddy e tutti gli altri molestatori. “Le mie preghiere sono con Cassie e tutte le altre vittime che si sono fatte avanti con orrende accuse contro il signor Combs”, ha aggiunto.

Prima del suo passaggio alla politica, Shyne è stato coinvolto nel settore dell’intrattenimento, durante il quale ha firmato un contratto con la Bad Boy Records di Diddy. In particolare, nel dicembre 1999, Shyne e Diddy furono arrestati dopo essere stati coinvolti in una sparatoria in un club di Manhattan. Mentre Diddy è stato assolto da tutte le accuse, Shyne ha finito per incassare una condanna a 10 anni con l’accusa di aggressione e pericolo sconsiderato. Dopo aver scontato la pena, Shyne è stato deportato nel suo paese d’origine, il Belize, dove ha iniziato la sua carriera politica.

Nonostante fosse sotto la tutela di Diddy al momento della sua incarcerazione, Shyne assolse il magnate della musica da ogni colpa, assumendosi la piena responsabilità dei suoi crimini. “Non ho incolpato nessun altro per i miei errori. Non è stata colpa del mio coimputato se ho sparato a qualcuno nel club, mi assumo la responsabilità”, ha condiviso con SOHH (tramite Digital Spy) nel 2009.

Stephen A. Smith

 

Stephen A Smith parla

Taylor Hill/Getty Images

Dopo aver visto il filmato riprovevole, il personaggio dei media Stephen A. Smith ha dichiarato che la carriera di Diddy è finita. Nella sua reazione al video del suo programma omonimo, Smith ha notato che l’eredità del rapper si stava sgretolando “nel peggior modo possibile”. Il famoso commentatore sportivo ha anche paragonato l’aggressione di Diddy a Cassie al video di sorveglianza pubblicato nel 2014 che mostrava la star della NFL Ray Rice aggredire la sua allora fidanzata e ora moglie Janay Palmer. “Questo video, presumibilmente, presumibilmente, presumibilmente, apparentemente, qualunque parola sia appropriata, con P. Diddy, Sean ‘P. Diddy’ Combs, questo è peggio”, si è lamentato Smith.

In un episodio successivo di “The Stephen A. Smith Show”, il conduttore si è scagliato contro le scuse di Diddy per il filmato della telecamera di sorveglianza durante un episodio del suo spettacolo omonimo. “Voglio sapere prima di tutto chi diavolo era il PR o il consigliere o qualcuno che è stato così stupido da dirgli di fare quel video di stronzate,” ha chiesto Smith.

Smith, un autoproclamato sostenitore delle seconde possibilità, ha spiegato che le azioni di Diddy erano imperdonabili data la sua iniziale negazione delle accuse nella causa di Cassie del novembre 2023. “Il fatto che ci sia una citazione proprio dello scorso dicembre, in cui tu neghi con enfasi, categoricità e categoricità che ci sia verità in ciò che è stato detto getta quella seconda possibilità fuori dalla finestra”, ha spiegato la personalità dei media. Smith ha ammesso di essere stato cordiale con Diddy quando si sono incrociati, ma ha insistito sul fatto che le scuse del rapper erano “non autentiche” e “imbarazzanti”.

Se tu o qualcuno che conosci avete a che fare con abusi domestici, potete chiamare la hotline nazionale per la violenza domestica al numero 1−800−799−7233. Puoi anche trovare ulteriori informazioni, risorse e supporto su il loro sito web.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top