HomepoliticsCelebrità che non sopportano Joe Biden

Celebrità che non sopportano Joe Biden

 

Joe Biden commenta la condanna penale di Donald Trump

Chip Somodevilla/Getty Images

Prima di diventare presidente degli Stati Uniti nel 2020, Joe Biden aveva già al suo attivo una illustre carriera politica. A soli 29 anni quando fu eletto senatore degli Stati Uniti, in rappresentanza del Delaware, rimase in quella carica per ben 36 anni. Nel 2008, Biden è diventato il 47esimo vicepresidente americano, servendo due mandati sotto il presidente Barack Obama prima di diventare lui stesso POTUS. Nel novembre 2024, gli elettori si recheranno alle urne in una corsa profondamente polarizzata per determinare se Biden o l’avversario repubblicano Donald Trump occuperanno la Casa Bianca per i prossimi quattro anni.

Sebbene Biden abbia chiaramente i suoi sostenitori, ha anche i suoi detrattori, che possono tendere ad essere estremisti. In questo gruppo ci sono una serie di celebrità, tutti sostenitori di Trump che regolarmente diffamano Biden. Sebbene tali lamentele siano avvenute per una serie di ragioni, un filo conduttore è stata la sua età avanzata (82 nel novembre 2024).

Allora, chi sono quei personaggi famosi che disprezzano il 46esimo presidente americano? Scoprilo continuando a leggere per dare un’occhiata alle celebrità che non sopportano Joe Biden.

Kid Rock ha pubblicato un singolo anti-Biden

 

Kid Rock esegue un raduno MAGA

Scott Legato/Getty Images

Sostenitore di lunga data di Donald Trump, il controverso cantante e rapper Kid Rock non ha nascosto la sua avversione per Joe Biden. Ciò era evidente nel suo singolo del 2022, “We the People”, con il suo ritornello cantato di “Let’s go, Brandon!” una frase apparentemente innocua che è diventata la variazione codificata ma difficilmente segreta dei sostenitori di Trump di “F*** Joe Biden!”

Più specificamente, “We the People” ha preso di mira le politiche dell’amministrazione Biden volte a mitigare le morti per COVID-19, prendendo di mira il dottor Anthony Fauci, allora principale consigliere medico del presidente Biden. “Noi, le persone in tutto ciò che facciamo, ci riserviamo il diritto di urlare, ‘F***ti!'” canta Kid Rock all’inizio della canzone. “Indossa la tua maschera. Prendi le tue pillole. Ora un’intera generazione è malata di mente.” Nel frattempo, un altro testo del brano sembrava offrire un paragone negativo tra quanto riportato dai media sulla risposta di Trump alla pandemia mentre era presidente e il modo in cui Biden veniva rappresentato. “Il COVID è vicino. Sta arrivando in città. Dobbiamo agire in fretta, chiudere i nostri confini”, ha rappato. “Joe Biden lo fa, i media lo abbracciano. Big Don lo fa e lo chiamano razzista.”

Anche se anche il fan più accanito di Kid Rock dovrebbe ammettere che “We the People” non è certo tra i suoi lavori migliori, la canzone ha comunque avuto un impatto sulle classifiche. Come riportato da Billboard, la canzone ha raggiunto il primo posto nelle classifiche Digital Song Sales, Rock Digital Song Sales e Hard Rock Digital Song Sales.

Lee Greenwood si è lamentato del fatto che Biden lo abbia cacciato dal National Endowment for the Arts

 

Lee Greenwood canta sul palco

Terry Wyatt/Getty Images

L’inno patriottico del cantante country Lee Greenwood “God Bless the USA” è stato il suo singolo più duraturo. Il repubblicano di lunga data è stato un convinto sostenitore di Donald Trump e ha eseguito la canzone durante la cerimonia di insediamento presidenziale nel 2017 (in realtà segnando la quarta volta che ha cantato la canzone all’inaugurazione di un presidente repubblicano).

Nel 2008, l’allora presidente George W. Bush nominò Greenwood membro del Consiglio nazionale per le arti del National Endowment for the Arts. Rimase membro fino al 2021 quando il presidente Joe Biden lo sostituì con Kamilah Forbes. Greenwood successivamente è apparso su Fox News per lamentarsi di essere stato estromesso dopo 13 anni, anche se l’incarico avrebbe dovuto durare solo sei. “Quindi, ascoltando ora sotto l’amministrazione Biden, ha fatto pulizia e alla fine ha licenziato un patriota”, ha lamentato Greenwood. “Sono rimasto piuttosto scioccato a dirti la verità. Non ho ricevuto né una telefonata né una lettera. Era solo un’e-mail.”

Nel 2024, Greenwood è stato colpito da una reazione negativa quando ha collaborato con Trump per pubblicare le sue Bibbie “God Bless the USA”, che vantavano l’aggiunta del testo della Costituzione, della Carta dei diritti, della Dichiarazione di indipendenza, del Giuramento di fedeltà, e il testo della canzone di Greenwood, al prezzo al dettaglio di $ 60. Intervistato da Newsmax, Greenwood ha insistito sul fatto che le resistenze provenivano dai sostenitori di Biden. “Penso che provenga solo da coloro che odiano Trump”, ha teorizzato Greenwood.

Jon Voight ha chiesto l’impeachment di Biden

 

Jon Voight a Cannes 2024

Samir Hussein/Getty Images

Con una brillante carriera a Hollywood durata decenni, Jon Voight era famoso per film come “Midnight Cowboy” e la serie TV “Ray Donovan” – per non parlare del suo ruolo nella vita reale come padre di Angelina Jolie. Ad un certo punto, però, è diventato meglio conosciuto per la sua affiliazione politica dopo aver twittato una serie di video esagerati a sostegno di Donald Trump, incluso uno che lo dichiarava “il più grande presidente dai tempi di Abraham Lincoln”. I video di Voight gli sono valsi un tweet di riconoscimento da parte dello stesso Trump, che loda l’attore sia per i suoi ruoli cinematografici più noti che per il suo sostegno. “Inoltre, ADORA GLI USA!” Trump ha twittato.

Nel 2022, Voight ha twittato un video in cui denunciava lo stato insicuro dell’America, attribuendo la colpa a Joe Biden. “Ha offeso la gloria di questa nazione”, dichiarò solennemente Voight. “Ha demolito la nostra morale, il nostro vero dono della terra dei liberi. Deve essere messo sotto accusa… Non lasciate che questo presidente Biden demolisca ogni centimetro che è stato sacrificato con sangue, sudore e lacrime per il suo dettato di bugie .”

Voight ha anche avuto alcune parole scelte su Biden dopo che Trump è stato dichiarato colpevole di 34 reati nel cosiddetto processo del “silenzio”. “Stiamo dando il permesso a questo presidente malato, Biden, di rubare, imbrogliare, mentire, uccidere, e nessuno sta pagando il prezzo più alto per questo?” ha detto in un video. “Dobbiamo fermare questi animali.”

Scott Baio ha accusato Biden di essere un marxista plagiatore

 

Scott Baio sul red carpet nel 2023

Michael Tullberg/Getty Images

C’è stato un tempo in cui l’ex star della sitcom Scott Baio era meglio conosciuto per aver interpretato Chachi in “Happy Days” e il personaggio principale in “Charles in Charge”. Negli ultimi anni, però, è emerso come critico vocale di Joe Biden. Nel 2019, nel bel mezzo di quella che alla fine è stata una campagna presidenziale di successo, Biden ha tenuto un discorso in cui ha preso di mira lo slogan della campagna di Donald Trump. “[Trump] dice di rendere di nuovo grande l’America? Facciamo di nuovo l’America”, ha detto Biden, ha riferito Politico. Fox News ha criticato Biden, sostenendo di aver copiato quella frase da Michael Avenatti, il criminale condannato che una volta era avvocato per la porno star Stormy Daniels.

Baio, tuttavia, ha chiesto di dissentire e ha affermato che Biden ha rubato la frase non ad Avenatti ma a lui. Quando il figlio maggiore di Trump, Donald Trump Jr., ha twittato l’affermazione di Fox News, Baio ha risposto assumendone la proprietà, insistendo di aver usato la frase in un discorso che aveva tenuto alla Convention Nazionale Repubblicana del 2016. A prova di ciò, ha twittato una GIF in cui pronunciava quelle stesse parole nel suo discorso, aggiungendo: “Joe Biden è un truffatore plagiatore”.

Baio ha anche espresso il suo disprezzo per Biden quando si è rifiutato di apparire con molti dei suoi co-protagonisti di “Happy Days” in un evento di riunione per raccogliere fondi per la candidatura presidenziale di Biden. “Non sono d’accordo, ovviamente, perché non credo nel socialismo e nei marxisti”, ha detto Baio mentre appariva nello show di Fox Business “Mornings with Maria”.

Ted Nugent paragonò Biden, lo “zombi senz’anima”, ad Adolf Hitler

 

Ted Nugent parla al microfono

Mark Reinstein/Shutterstock

Negli anni ’70, Ted Nugent era noto soprattutto per i suoi focosi riff di chitarra. Ultimamente, tuttavia, il rocker di destra è diventato sinonimo di teorie del complotto sul COVID-19 e di retorica violenta.

Un convinto sostenitore di Donald Trump, ha avuto alcune cose piuttosto incendiarie da dire su Joe Biden. “C’è una forza malvagia che controlla questo zombie senza mente e senz’anima di nome Joe Biden…” ha detto durante un’edizione del 2022 della sua serie di video YouTube “Nightly Nuge” dopo averlo paragonato ad Adolf Hitler, Joseph Stalin e altri famigerati dittatori. Quell’osservazione, infatti, si basava su alcuni commenti che aveva fatto l’anno precedente mentre appariva sul podcast “The Wild Initiative”. “Perché se sei dalla parte di Joe Biden, sei semplicemente un essere umano marcio”, ha detto, come riportato da Blabbermouth.

Nugent ha avuto altro da dire su Biden durante una chiacchierata del 2022 con Smashing Interviews quando ha confermato che la sua nuova canzone, “Come and Take It”, parlava del Secondo Emendamento e che ne aveva inviato una copia alla Casa Bianca. “Certo che lo è, perché un dito medio politico è molto atteso, e un dito medio politico è sempre stato l’impulso per la distruzione delle forze del male, della corruzione e della criminalità… Joe Biden”, ha detto.

L’affermazione scherzosa di Roseanne Barr secondo cui Biden l’ha aggredita sessualmente ha causato scalpore

 

Roseanne Barr su Gutfeld di Fox News nel 2023

Steven Ferdman/Getty Images

Nel maggio 2023, una giuria ha ritenuto Donald Trump responsabile di aver abusato sessualmente della scrittrice E. Jean Carroll dopo un processo civile che lo accusava di diffamarla. La comica Roseanne Barr – meglio conosciuta per la sua rivoluzionaria sitcom televisiva “Roseanne” – ha pensato che sarebbe stato il punto di partenza esilarante per uno sketch strano e non particolarmente divertente che ha girato nel grande magazzino Bergdorf Goodman di New York, dove Carroll ha affermato di essere stata aggredita sessualmente da Briscola.

Nel video che Barr ha condiviso su X (ex Twitter), ha finto di avere un flashback. “In questo momento mi sono resa conto che 26 anni fa Joe Biden mi violentò in quello spogliatoio del reparto scarpe dove mi cambiavo le scarpe”, ha detto. Alla domanda di suo figlio se stava bene, ha dichiarato: “No, non sto bene. Devo fare causa”.

Barr è stato immediatamente colpito da una reazione negativa sullo schizzo. “Sei una persona orribile per questa viltà. La violenza sessuale non è una scenetta comica,” ha twittato un utente di X, al quale Barr ha risposto dicendo che non avrebbe mai deriso la vittima di violenza sessuale. “Stavo parlando di E. Jean Carroll”, ha scritto, ripetendo chiaramente l’affermazione di Trump secondo cui Carroll stava mentendo. “Questa non è nemmeno una commedia. Perché dovresti postarla?” leggi un altro tweet, mentre un’altra persona aggiunge: “Lo trovo vile. Lo stupro non è divertente e usare il presidente Joe Biden in questo è appena oltre il limite. Cosa fa scendere una persona così in basso?”

Dean Cain ha detto che Biden non è adatto a diventare presidente

 

Dean Cain alla parata natalizia di Hollywood del 2023

Michael Mattes/Shutterstock

Un tempo noto per aver recitato accanto alla futura star di “Desperate Housewives” Teri Hatcher in “Lois & Clark: Le nuove avventure di Superman”, Dean Cain finì per reinventarsi come un esperto conservatore, più spesso visto nei notiziari di destra che come attore nelle serie TV sceneggiate. Ha anche mostrato la tendenza a insultare Biden sui social media, definendolo un “idiota” in un tweet, dicendogli che era “pieno di stronzate” in un altro, e poi twittando Biden per condividere la sua opinione su come è stata la sua presidenza. andando. “Stai facendo crollare l’America”, dichiarò Cain.

Cain ha anche parlato dell’età di Biden durante un’apparizione sulla rete di notizie britannica GBNews quando gli è stato chiesto se riteneva che Biden fosse adatto a diventare presidente dell’America. “Non credo. Non pensavo che fosse adatto per cominciare… Tutti sanno che è vecchio ed è senile”, ha detto Cain. “Non penso che sia adatto a questo”, ha aggiunto, condividendo la sua convinzione che Biden fosse semplicemente una “prestanza” controllata da una “cabala” di “burattinai” che stavano “tirando i fili” dietro il sistema. scene.

John Schneider, ex allievo dei Dukes of Hazzard, è stato indagato dai servizi segreti dopo aver chiesto l’esecuzione di Biden

 

John Schneider all'evento per il vino croato

Victoria Sirakova/Getty Images

Uno dei pezzi grossi della televisione degli anni ’70 per aver interpretato Bo Duke in “The Dukes of Hazzard”, John Schneider alla fine divenne noto come un convinto conservatore. Apparendo nella serie di Fox Business “Varney & Company” nel 2021, ha rivelato di aver praticamente tagliato i legami con Hollywood mainstream a metà degli anni 2000 per concentrarsi sulla creazione dei propri progetti, che riflettevano le sue opinioni conservatrici ed evitavano ciò che percepiva come Il liberalismo di Hollywood.

Alla fine del 2023, tuttavia, Schneider ha spinto troppo oltre la sua antipatia per Joe Biden quando ha fornito una risposta agghiacciante a uno dei tweet del presidente. “Mio Presidente, credo che tu sia colpevole di tradimento e che dovresti essere impiccato pubblicamente”, ha twittato Schneider (il post è stato successivamente cancellato, ma non prima che Deadline catturasse uno screengrab). Secondo la testata, quel tweet è bastato affinché i servizi segreti aprissero un’indagine. “Esaminiamo tutte le minacce contro i nostri protetti e, a causa dell’intento, questo rientra nella definizione di minaccia”, ha detto a Deadline un rappresentante.

Schneider ha poi rilasciato una dichiarazione in cui insisteva sul fatto che il suo tweet, che chiedeva inequivocabilmente l’esecuzione di Biden, era stato in qualche modo interpretato male. “Non ho né detto né lasciato intendere nulla del genere… Non ho assolutamente chiesto un atto di violenza o minacciato un presidente degli Stati Uniti”, ha affermato, seguito da alcuni vaghi commenti sulla non meglio specificata corruzione di Biden.

L’ex star di Hercules Kevin Sorbo ha spesso disprezzato Biden

 

Kevin Sorbo in posa

Cindy Ord/Getty Images

Kevin Sorbo ha recitato una volta in “Hercules: The Legendary Journeys”, uno spin-off del fenomeno degli anni ’90 “Xena: Warrior Princess”. In questi giorni, Sorbo è più un guerriero della cultura di destra che altro, cosa che ha dimostrato quando è apparso su Newsmax per criticare Joe Biden per non aver menzionato Gesù nel suo discorso durante l’illuminazione nazionale dell’albero di Natale. “Non riusciamo più a nascondere l’ipocrisia che questo presidente e il suo staff hanno da dire”, ha detto Sorbo.

Mentre Sorbo e la star di “Xena” Lucy Lawless si sono spesso scontrati sui social media a causa delle loro diverse opinioni politiche, Sorbo ha anche finito per litigare con Chrissy Teigen per alcune osservazioni che aveva twittato su Joe Biden. Nei giorni precedenti le elezioni presidenziali del 2020, Sorbo ha espresso il suo scetticismo sul fatto che Biden fosse in testa nei sondaggi, sulla base delle bandiere che ha visto promuovere Donald Trump. “Non ho mai visto persone andare in giro con le bandiere di Biden, qualcuno vuole spiegare come si comporta attualmente questo ragazzo che non riusciva a riempire l’auditorium di una scuola superiore?” ha twittato. Teigen, che da allora ha chiuso il suo account X, ha portato Sorbo a scuola. “Perché sappiamo quanto sembri stupido, lmao”, ha risposto, come riportato da Metro.

Più recentemente, Sorbo ha accusato Biden dell’invasione russa dell’Ucraina e del conflitto israelo-palestinese. “Un voto per Biden è un voto per la guerra”, ha twittato. Ucraina, Russia, Israele, Palestina. Se voti per Biden, sostieni tutto questo.”

Randy Quaid è rimasto “sconvolto” dalle osservazioni di Biden sul Texas

 

Randy Quaid indossa un cappello sciocco

Erika Goldring/Getty Images

Negli ultimi vent’anni circa, Randy Quaid si è trasformato da rispettato attore di Hollywood in un teorico della cospirazione, spesso arrestato, in fuga dagli “Hollywood Star Whackers”, un presunto gruppo di individui con un programma segreto per uccidere le celebrità.

Negli ultimi anni, Quaid è diventato un convinto critico di Joe Biden ed è stato particolarmente irritato dai commenti che Joe Biden ha fatto nel 2021 descrivendo la decisione del Texas e del Mississippi di riaprire completamente nel mezzo della pandemia di COVID-19 come “pensiero di Neanderthal”. ” Quaid ha risposto in un tweet ironico, scrivendo: “Come nativo texano sono sconvolto che il nostro presidente mi abbia definito un Neanderthal. 23AndMe ha verificato che non ho NESSUN gene di ascendenza Neanderthal nel mio codice genetico. Questo non vuol dire Neanderthal le vite non contano, dico solo che molti di noi texani hanno motivo di intentare una class action.”

È interessante notare che anche il fratello di Quaid, il collega attore Dennis Quaid, non è un fan di Biden. Durante un’apparizione del 2024 a “Piers Morgan Tonight”, ha rivelato che Trump aveva il suo voto alle prossime elezioni presidenziali, indicando la sua percezione che Biden non stesse effettivamente gestendo la propria amministrazione. “Non sento che sia lì”, ha detto Quaid. “Ho la sensazione che dica delle cose per ottenere voti, non che ci creda veramente.”

Jim Caviezel, apparentemente credente di QAnon, ha avuto alcune parole concise su Biden

 

Jim Caviezel ai MovieGuide Awards

Paul Archuleta/Getty Images

Jim Caviezel è diventato famoso in un ruolo iconico, interpretando il ruolo principale nel controverso blockbuster di Mel Gibson “La Passione di Cristo”, prima di lasciare il segno in televisione in diverse stagioni del dramma procedurale della CBS “Person of Interest”. Nel 2023, ha recitato nel film prodotto in modo indipendente “Sound of Freedom”, incentrato sulla lotta al traffico sessuale minorile. Il film è stato accolto favorevolmente dai sostenitori della teoria del complotto di QAnon, che credono che Donald Trump stia guidando una battaglia per sradicare un giro globale di traffico di bambini gestito da élite globali (tra una partita di golf e l’altra, ovviamente).

Anche se il regista del film ha insistito sul fatto che “Sound of Freedom” non è un film di QAnon, Caviezel non ha esattamente aiutato questa tesi quando è apparso su “Fox and Friends” e ha dichiarato: “Dobbiamo iniziare con Donald Trump. Ha essere lì perché darà la caccia ai trafficanti.” Mentre appariva virtualmente a un evento politico (tramite la CNN), Caviezel ha condiviso la sua convinzione nella teoria della cospirazione di QAnon, completamente sfatata, secondo cui i bambini vengono assassinati per raccogliere l’adrenocromo dalle loro ghiandole pituitarie.

Questa convinzione è probabilmente alla base di alcuni commenti che ha fatto su un video in cui Joe Biden mette scherzosamente la bocca sulla spalla di un bambino e finge di mordicchiarlo. “Lo avrei spinto via molto velocemente”, ha dichiarato Caviezel con aria di sfida mentre appariva al “The Benny Show”. “I servizi segreti avrebbero dovuto affrontarmi perché lo avrei fatto fuori.”

L’OG Buffy the Vampire Slayer Kristy Swanson ha fatto alcune affermazioni false su Biden

 

Kristy Swanson alla convention dei fan

Bobby Bank/Getty Images

Kristy Swanson è diventata famosa recitando in “Buffy l’ammazzavampiri” – ma ha avuto la sfortuna di interpretare l’assassina titolare non nell’amata serie TV acclamata dalla critica, ma nel film flop che l’ha preceduta. Swanson ha recentemente guadagnato un diverso livello di celebrità per aver promosso le sue opinioni di destra, portandola a denigrare e demonizzare regolarmente Joe Biden. Questo punto di vista è stato cristallizzato in un tweet del 2021, in cui si leggeva: “Qualcuno deve dire a Joe Biden che, in qualità di presidente degli Stati Uniti d’America, è suo ‘dovere patriottico’ dire la verità”.

L’anno successivo, fece eco all’opinione dell’ex Hercules Kevin Sorbo quando pubblicò un tweet che equiparava il sostegno alle urne alle bandiere e alla segnaletica. “Affermano: ’81 milioni di voti per Biden’, e ancora non c’è un cartello, una bandiera, un adesivo per paraurti, una maglietta o un cappello da nessuna parte in tutto il Paese”, ha scritto.

Swanson ha anche menzionato Biden quando ha espresso la sua convinzione che il vaccino COVID-19 non fosse sicuro e ha condiviso il suo scetticismo sul fatto che Biden fosse stato effettivamente vaccinato. “Se Joe Biden ha una storia di aritmie cardiache e aneurismi cerebrali, perché lui e i suoi medici avrebbero mai rischiato che venisse vaccinato e potenziato (ovvero) l’iniezione di coaguli?” ha twittato.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top