HomeHOLLYWOODChe fine ha fatto Elizabeth Berkley?

Che fine ha fatto Elizabeth Berkley?

Elizabeth Berkley in posa

DFree/Shutterstock

Non mancano le star famose che hanno iniziato con le sitcom popolari in passato. Da Will Smith a Jennifer Aniston, questi A-listers sono stati in grado di decifrare il codice, diventando attori di incredibile successo giocando bene le loro carte. Altri, come la star di “Saved by the Bell” Elizabeth Berkley sembrano essere caduti nel dimenticatoio, incapaci di ottenere un ruolo importante in un progetto acclamato dalla critica o di assicurarsi un ruolo coerente.

Il curriculum poco brillante di Berkley non è certamente dovuto alla mancanza di tentativi. Dopo aver lasciato il suo personaggio, Jessie Spano, all’inizio degli anni ’90, ha fatto del suo meglio per entrare nell’industria cinematografica. Sebbene avesse tutto lo slancio per trasformarla nella macchina della fama, diverse battute d’arresto hanno ostacolato il suo percorso verso una celebrità simile ad Aniston. Sebbene non sia completamente scomparsa dai riflettori, non è nemmeno esattamente sulla bocca di tutti. Allora, cosa ha fatto l’ex star della sitcom negli ultimi decenni? Diamo uno sguardo a tutto quello che è successo a Elizabeth Berkley dai tempi della Bayside High.

Ha lasciato Saved by the Bell piuttosto bruscamente

 

Elizabeth Berkley in posa

Vinnie Zuffante/Getty Images

Mentre alcuni sostenevano che Elizabeth Berkley avrebbe dovuto rimanere in “SBTB” fino alla fine, lei aveva in mente cose più grandi e migliori (almeno, la pensava così in quel momento). La nativa del Michigan ha rinunciato al ruolo di Jessie Spano nel 1992, decidendo di non prendere parte agli 11 episodi aggiuntivi ordinati per la stagione 4. Non è stata l’unica, tuttavia, poiché anche la sua compagna di cast Kelly Kapowski se n’è andata, costringendo gli showrunner a portare in due sostituzioni per concludere lo spettacolo nella sua ultima stagione.

Mentre Berkley taceva sulle sue intenzioni dietro l’uscita dallo spettacolo, molti presumevano che desiderasse espandersi come attrice. Anche se alcuni dicono che è meglio andarsene troppo presto che troppo tardi, la decisione avrebbe potuto ritorcersi contro l’attore di “Any Given Sunday”. Alcuni direttori del casting potrebbero aver etichettato Berkley come una che se ne va, il che non l’avrebbe aiutata a ottenere ruoli in futuro. Indipendentemente dalle sue intenzioni, Berkley ha deciso di andarsene prima di sapere che la rete aveva aggiunto altri episodi. A quel tempo, il cast aveva già filmato il finale della serie quando furono ordinati gli 11 episodi aggiuntivi.

Il primo ruolo cinematografico importante di Berkley fu un flop totale

 

Elizabeth Berkley mentre tiene in mano un palo

Getty Images/Getty Images

Non è l’ideale quando il primo film importante di un attore si rivela un completo disastro. Elizabeth Berkley conosce fin troppo bene quella narrazione, poiché la sua decisione di lasciare “SBTB” in anticipo potrebbe essere stata una di quelle di cui in seguito si è pentita.

Il ruolo da protagonista di Berkley è arrivato nel 1995, quando ha recitato nel film “Showgirls” nel ruolo della protagonista Nomi Malone. La storia ruota attorno al viaggio di Malone da spogliarellista di piccola città a showgirl di Las Vegas e tutti gli ostacoli e i crepacuori che si trovano nel mezzo. Anche se avrebbe potuto far sbarcare Berkley sulla mappa come attore solido, ha fatto esattamente il contrario, accumulando recensioni terribili che hanno solo ostacolato la sua crescita. Entertainment Weekly lo ha soprannominato il “peggior film dell’anno”, facendo a pezzi il tentativo di Berkley di raggiungere i massimi livelli. “Secondo il consenso di Hollywood, è anche la cosa peggiore che sia mai capitata alla sua star, Elizabeth Berkley, che è passata dall’entusiasmo rovente al brivido gelido più velocemente di una lap dance da 5 dollari”, ha scritto la feroce recensione.

Questo tipo di falsa partenza ha fatto un certo effetto su Berkley, che in seguito ha ammesso quanto sia stato traumatico essere messa da parte quando sentiva di aver agito bene con il suo personaggio. “Certo, è stato deludente che non sia andata bene, ma c’era così tanta crudeltà intorno”, ha detto a People nel 2020. “Sono stata vittima di bullismo. E non capivo perché venivo incolpata. Il lavoro come attore significa realizzare la visione del regista e ho fatto tutto quello che dovevo fare.”

Nessuno voleva lavorare con lei dopo Showgirls

 

Elizabeth Berkley in posa

Vinnie Zuffante/Getty Images

Elizabeth Berkley è stata messa da parte dopo il suo ruolo da protagonista in “Showgirls”, lasciata a se stessa mentre le recensioni orribili hanno contaminato la sua fiorente carriera. La star di “SBTB” ha detto a People che anche i suoi ex compagni di cast hanno fatto poco per alimentare il fuoco, rendendo ancora più difficile ottenere ruoli futuri. “Nessuno associato al film ha parlato a mio nome per proteggermi. Sono stata lasciata fuori al freddo ed ero una paria nel settore per cui avevo lavorato così duramente”, ha riflettuto nel 2020.

Poco dopo il film, l’allora 22enne Berkley rimase senza un agente, poiché quello con cui aveva lavorato la lasciò cadere in seguito. La protesta di “Showgirls” sembrava essere diretta esclusivamente a lei, poiché i suoi colleghi maschi e il regista del film non facevano parte della reazione negativa. Persino il regista del film, Paul Verhoeven, non riusciva a capire perché Berkley fosse diventato il capro espiatorio, dicendo al Los Angeles Times: “Penso che abbia fatto esattamente quello che volevamo e quello che pensavamo sarebbe stato buono. E a quanto pare, abbiamo fallito”.

Alla fine ha ottenuto un ruolo nel film del 1996 “Il club delle prime mogli” insieme a Diane Keaton e Goldie Hawn. Il film si è rivelato uno dei progetti preferiti di Berkley, grazie al tutoraggio di Hawn. “Da giovane donna del settore, che aveva appena attraversato la tempesta/contraccolpo di #Showgirls, era come un angelo… [She] è arrivata al momento giusto della mia vita e ora le sarò per sempre grato come amico”, ha scritto l’attore in un post su Instagram nel 2015.

Berkley tentò (e fallì) di sfondare nel teatro

 

Elizabeth Berkley sorride

Dan Callister/Getty Images

Quando i lavori di recitazione non erano esattamente in fila per Elizabeth Berkley, si cimentò in teatro. Sfortunatamente, la sua deviazione non si è rivelata esattamente a suo favore.

Berkley ha interpretato il ruolo di Rusty nella commedia del 1999 “Lenny”, insieme al comico britannico Eddie Izzard. Ha ottenuto una performance impressionante, guadagnandosi anche un cenno positivo da un critico. L’unico inconveniente, tuttavia, è stato dovuto al tremendo attacco alla recitazione di Izzard, con Berkley ridotto a una semplice menzione. In una recensione dell’Independent, Berkley è stato nominato solo una volta. “Guardiamo increduli mentre Izzard riporta sua moglie Rusty (un’impressionante Elizabeth Berkley) per incontrare sua madre”, ha scritto Robert Butler.

Qualche anno dopo, nel 2004, Berkley ha fatto il suo debutto a Broadway recitando in “Sly Fox”. La commedia ruota attorno a Foxwell J. Sly, che finge di essere sul letto di morte per indurre le persone a competere per la sua eredità. Berkley assume il ruolo della signora Truckle e viene successivamente sollecitata da Abner a Sly nel tentativo di diventare un erede della fortuna. Questa volta, Berkley non ha avuto recensioni così positive. “Meno successo hanno Rachel York come prostituta che vuole sposare Sly ed Elizabeth Berkley come moglie verginale di Truckle”, ha scritto Frank Rizzo per Variety. “Berkley per lo più non riesce a estrarre l’oro comico che riveste la sceneggiatura. (Un riferimento assurdamente divertente alle “scarpe di castità” manca il bersaglio.)”

È stata al centro di una causa contro Leonardo DiCaprio

 

Elizabeth Berkley vestita di nero

Kurt Krieger – Corbis/Getty Images

Per alcune donne, avere due uomini che litigano per loro è un sogno. Per altri, come Elizabeth Berkley, significava una causa imminente. Berkley si trovò al centro di un’enorme controversia nel 1998 quando attirò l’attenzione di Leonardo DiCaprio mentre vedeva il suo allora fidanzato Roger Wilson. Secondo quanto riferito, l’attore di “Titanic” avrebbe flirtato con l’ex star della sitcom alla première del suo film “L’uomo dalla maschera di ferro”, ma lei avrebbe rifiutato le sue avances. DiCaprio, tuttavia, non si mosse e continuò a chiamare Berkley, con grande sgomento di Wilson. Wilson finì per affrontare DiCaprio, portando quest’ultimo a dire al suo gruppo di “prenderlo a calci in culo”, secondo i documenti del tribunale ottenuti da Entertainment Weekly.

Dopo la rissa, Wilson ha affermato di aver subito un colpo alla gola, impedendogli di futuri ruoli di canto. Ha intentato una causa contro DiCaprio nel 2003, chiedendo 15 milioni di dollari di risarcimento danni e 30 milioni di dollari di danni punitivi per le opportunità perse. La causa contro la star del “Lupo di Wall Street” è stata infine respinta, con il giudice Paula Omansky che ha ammesso che avrebbe potuto andare avanti contro Todd Healy, che aveva confessato di aver picchiato Wilson.

Sebbene Berkley fosse semplicemente una pedina nella dura prova, alcuni ipotizzano che questo la dipingesse in cattiva luce. Oltre a combattere la reazione sessista di “Showgirls”, l’attore era ancora una volta alla mercé dei potenti alti piani di Hollywood. Il disgusto di DiCaprio per la debacle avrebbe potuto contagiare Berkley, rendendo molto più difficile essere preso sul serio nel settore.

Berkley sposò un membro di una ricca dinastia

 

Elizabeth Berkley posa con Greg Lauren

Evan Agostini/Getty Images

Anche se Elizabeth Berkley potrebbe non aver raggiunto l’oro in termini di lavori di recitazione post-sitcom, ha vinto il jackpot quando si è trattato di suo marito. L’attore di “Roger Dodger” si è sposato con un importante esponente della moda nel 2003, quando si è sposata con Greg Lauren, nipote del famoso stilista Ralph Lauren.

La coppia si è incontrata per caso nel 2000, dopo che una lezione di danza li aveva fatti incrociare. Tre anni dopo, Berkley percorse la navata di una cerimonia nuziale a Cabo San Lucas indossando un abito Ralph Lauren realizzato su misura. È stato un momento di chiusura del cerchio per Greg, che ha ammesso di essersi innamorato della sua futura moglie ai tempi della “SBTB”. Al giorno d’oggi, dice che le persone sono spesso gelose sapendo che ha sposato la sua protagonista. “[People] o colpiscimi o spingi o non mi parlano nemmeno più”, ha condiviso con Us Weekly. “Ho preso Jessie, scusa Slater!” Quando non assume ruoli nel settore, è felice di trascorrere del tempo con il suo fidanzato a Los Angeles. Per quanto riguarda il loro appuntamento notturno ideale? “Sushi e meditazione”, ha risposto suo marito quando gli è stato chiesto dal punto vendita.

I lavori di recitazione di Berkley sono arrivati ​​secondi dopo lei e il figlio di Greg, Sky, nato nel 2012. Essere madre ha inaugurato una nuova fase, molto diversa dal suo passato sul tappeto rosso. “Come attrice a volte vieni scelta per un lavoro e devi semplicemente andartene. Mi piace come questo sia stato il suo viaggio [and] c’è tempo per quello che è il ruolo di una vita”, ha detto a People.

Non poteva accettare le critiche

 

Sciarpa blu Elizabeth Berkley

Jim Spellman/Getty Images

Forse i ruoli tutt’altro che stellari di Elizabeth Berkley hanno qualcosa a che fare con la sua incapacità di accettare le critiche. In un pezzo del New York Times del 2005, l’ex capo critico teatrale di Variety Charles Isherwood chiamò Berkley per aver risposto alla sua scarsa recensione della sua precedente interpretazione in “Sly Fox”. Ma non era solo quella lamentela che voleva portare alla sua attenzione. L’ex star di “SBTB” ha anche espresso il suo disappunto per il fatto che Isherwood continui a criticarla per la sua interpretazione in “Showgirls”. All’epoca, Isherwood aveva menzionato Berkley insieme al film in una pagina di illustrazioni con attori durante una cerimonia di premiazione.

“L’avevo identificata come la star di un film, ormai vecchio di diversi anni, famoso per la sua orrore mozzafiato”, scrisse Isherwood, aggiungendo, “Era stanca di essere etichettata sulla stampa esclusivamente come la star di un film famoso per la sua orrore mozzafiato. .” Anche se ricordava i tentativi di Berkley di mettere in risalto alcuni dei suoi progetti più favorevoli, come il suo ruolo in una commedia di Broadway e la recitazione in un film di Woody Allen, Isherwood aveva difficoltà a differenziarla dal suo passato. “La sua fama derivava ancora principalmente dalla sua apparizione nel film indicibile”, ha scherzato.

La mossa audace di Berkley ha oltrepassato il confine tra critici e attori che in genere non si fondono mai. Al contrario, le è valso un po’ di elogi da parte di Isherwood per il suo ruolo nella pièce di David Rabe “Hurlyburly”, che all’epoca aveva recitato a New York. “Per fare ammenda del mio peccato passato, con la presente diffondo la voce che è davvero dannatamente brava”, ha scritto.

Berkley è diventato un autore di successo

 

Elizabeth Berkley tiene in mano il suo libro

Beck Starr/Getty Images

Elizabeth Berkley ha trovato un nuovo percorso professionale nel 2011 quando ha pubblicato il suo primo libro, “Chiedi a Elizabeth: risposte reali a tutto ciò che volevi segretamente chiedere sull’amore, sugli amici, sul tuo corpo… e sulla vita in generale”. Berkley è stata ispirata a scriverlo in stile diario come aiuto ai milioni di ragazze adolescenti nel mondo che lottano per trovare la propria identità in un mondo brutale che altrimenti potrebbe essere classificato come scuola superiore.

Dopo che “SBTB” è entrata in un sindacato internazionale, è stata costantemente riconosciuta dalle donne più giovani nella sua vita quotidiana che cercavano consigli. Alla fine Berkley lanciò seminari professionali, viaggiando in diverse scuole in tutto il paese per lavorare specificamente con le giovani donne e aiutarle ad affrontare la loro adolescenza. “Tutti parlano dei problemi che le nostre ragazze adolescenti stanno affrontando e di cosa hanno a che fare”, ha detto Berkley a Entertainment Weekly. “Ma per me c’era un vuoto nel modo in cui venivano serviti o aiutati. Ho pensato: ‘Wow, mi piacerebbe creare qualcosa.'”

Basandosi su quello slancio, ha continuato a pubblicare la sua forma di racconto, pensata per aiutare le generazioni più giovani. A differenza di molti libri sulle celebrità, quello di Berkley se la cavò bene. “Ask Elizabeth” ha ricevuto recensioni entusiastiche e una valutazione di quasi cinque stelle su Amazon. “Berkley ha un tono che non è né condiscendente né al di sopra della testa del lettore. Condivide storie personali senza approfondire il territorio di TMI”, ha scritto Maggie Pehanick. “La sua empatia è rinfrescante e sebbene il suo background le dia l’esperienza e il materiale necessari per scrivere un libro come questo, non diventa il motivo principale per cui sta scrivendo.”

Ha lottato per tornare in televisione

 

Elizabeth Berkley vestita di bianco

Kathy Hutchins/Shutterstock

Elizabeth Berkley non è mai riuscita a sfruttare il suo slancio “SBTB” negli anni 2000 e 2010. La star di “Showgirls” si è dilettata in alcuni progetti televisivi, recitando in episodi qua e là in “New Girl”, “Melissa & Joey”, “CSI: Miami” e “The L Word”. Il suo ultimo progetto cinematografico fino ad oggi è stato “Lucky Christmas” nel 2011, che ha portato i fan a chiedersi se potrebbe provare a rientrare nel settore o se i suoi giorni al botteghino sono ormai alle spalle.

Sia che sia impegnata con la maternità o che si stia godendo i residui del suo libro di successo, Berkley non ha pressioni per mantenere il suo curriculum sempreverde. Ha recitato in un totale di quattro progetti da quando ha debuttato “Lucky Christmas” e, di questo passo, non sembra che abbia intenzione di vincere un Oscar o un Emmy presto. Berkley è perfettamente felice nella sua bolla tra queste star delle sitcom degli anni ’90 di cui nessuno ha più notizie.

Berkley si è riunita con i suoi compagni di cast per un riavvio di “SBTB”.

 

Elizabeth Berkley vestita di nero

Bg029/bauer-griffin/Getty Images

Elizabeth Berkley è tornata ancora una volta alla Bayside High, questa volta come consulente scolastica in un riavvio di “SBTB” che ha debuttato su Peacock nel 2021. Facendo rivivere il suo ruolo di Jessie Spano, si è riunita con i suoi ex compagni di cast Mark-Paul Gosselaar e Mario Lopez.

La trasformazione da adolescente spensierato a consulente scolastico è stata una cosa che Berkley è stata felice di portare in vita sullo schermo, regalando la gioia tanto necessaria agli spettatori dopo la pandemia di COVID-19. “Quindi, poiché ci siamo evoluti come esseri umani, e ora siamo donne e uomini che hanno famiglie, figli e tutto il resto, volevamo riflettere, in modo comico, ovviamente, dove i nostri personaggi sarebbero cresciuti. “, ha detto a Collider.

Berkley ha anche potuto lavorare dietro le quinte come produttore, aiutando a scegliere i ruoli per il revival. “Ero presente a ogni sessione e guardavo ogni collegamento”, ha condiviso. “Ero con le persone per le loro letture di chimica. È stato davvero emozionante. Abbiamo un paio di persone che sono molto esperte nel settore, ma la maggior parte del cast è fresca e nuova.”

Anni dopo che “Showgirls” ha macchiato la sua reputazione sullo schermo, Berkley guarda indietro al suo passato con una nuova percezione. Ciò, si spera, significa menti più aperte, soprattutto quando si tratta di donne nel settore. “Era un periodo diverso nella nostra cultura nel 1995. Non so se questo sarebbe stato accolto con le stesse dure critiche adesso”, ha detto.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top