HomeroyalsI divorzi reali britannici più disordinati

I divorzi reali britannici più disordinati

 

Re Carlo III, la principessa Diana

Tim Graham/Getty Images

Reali! Sono proprio come noi! Si innamorano – beh, la maggior parte delle volte – si sposano, diventano infelici, finiscono per detestarsi a vicenda e divorziano. Tuttavia, non è così semplice come archiviare e firmare sulla linea tratteggiata quando sei un nobile. Il divorzio è molto più complicato e, a volte, molto più sanguinoso.

Se avessi guardato “The Crown”, avresti già acquisito un’idea dei complicati divorzi reali: la principessa Margaret, contessa di Snowdon e Anthony Armstrong-Jones, conte di Snowdon, Anna, la principessa reale e il capitano Mark Phillips, il principe Andrea, duca di York e Sarah, la duchessa di York e, naturalmente, il re Carlo III e la principessa Diana sono tutti presenti nello show di successo di Netflix.

Tuttavia, amare rotture e finali astiosi non sono una novità per la monarchia. I sovrani mettevano da parte i loro coniugi disprezzati già nel 1533. Il re Enrico VIII mandò l’Europa in decenni di sanguinosi disordini dopo essersi separato dalla chiesa cattolica e aver fondato la propria religione in modo da poter scaricare la sua prima moglie, Caterina d’Aragona. Ha lottato con le unghie e con i denti per impedirgli di divorziare. Eppure, alla fine, rimase solo senza marito, a differenza dei suoi successori meno fortunati, Anna Bolena e Catherine Howard, che finirono senza testa. Ai tempi dei Tudor le separazioni erano una faccenda pericolosa. Il sangue ha smesso di scorrere dopo che Henry si è liberato di queste spoglie mortali. Tuttavia, i divorzi reali rimangono intricati e, a volte, tortuosi fino ad oggi. Stiamo esaminando alcuni dei più disordinati.

Re Enrico VIII e le sue mogli terrorizzate

 

Dipinto di Enrico VIII Anna Bolena

Immagini del patrimonio/Getty

Il re Enrico VIII è l’OG dei disordinati divorzi reali britannici. Ha scritto le regole dello scioglimento nel suo disperato tentativo di ottenere un erede maschio legittimo e sano e di placare la sua sete di sposare la prossima donna sfortunata che ha attirato la sua attenzione.

La prima moglie di Enrico, Caterina d’Aragona, era sposata con suo fratello, Artù, principe di Galles. Quando Arthur morì, Henry entrò nei suoi panni coniugali. Fu tutto amore e rose Tudor finché Katherine non riuscì a dare un figlio a Henry. Ha presentato una petizione al Papa per l’annullamento, sostenendo che il matrimonio non era valido a causa della relazione di Katherine con Arthur. Il Papa però rifiutò. Quindi, Henry fondò la sua chiesa, la Chiesa d’Inghilterra, e si concesse l’annullamento.

Appena single, Henry potrebbe sposare la sua prossima vittima, Anna Bolena. Non le è andata molto bene. Una volta che Henry si stancò di lei, inventò una storia secondo cui lei lo aveva tradito con dignità di corte, compreso suo fratello. Poi le ha tagliato la testa. Prima che la spada cadesse, Henry era passato a Jane Seymour. Morì due settimane dopo aver dato alla luce il re Edoardo VI. La prossima fu Anna di Cleves. Henry la considerava brutta, ma fortunatamente per Anne aveva buone conoscenze, quindi sfuggì all’esecuzione e il matrimonio fu annullato. La quinta moglie di Henry, Catherine Howard, non fu così fortunata. L’adolescente è stata accusata di tradimento e ha perso la testa. Katherine Parr è stata l’ultima vittima di Henry. Lei ne fuggì completamente intatta quando lui morì dopo cinque anni di matrimonio.

Re Giorgio I e Sofia Dorotea di Celle

 

Re Giorgio I Sofia Dorotea

Immagini del patrimonio/Immagini Getty e del patrimonio/Immagini Getty

Re Giorgio I non tagliò la testa alle sue mogli come il suo predecessore, re Enrico VIII, ma ciò non lo rese meno un maniaco tirannico e violento. La sfortunata moglie di Giorgio era Sofia Dorotea di Celle, una nobile germanica che era anche sua cugina.

La partita, orchestrata dalla madre di George, Sophia, Elettrice di Hannover, era destinata a fallire. Sophia Dorothea era innamorata dell’affascinante duca di Wolfenbüttel e aveva meno che zero interesse per George. Infatti, quando la sua futura suocera le porse un suo ritratto in miniatura, lei lo gettò da parte e giurò: “Non sposerò il muso di maiale!” Quando Sophia finalmente incontrò George, crollò sul pavimento. Tuttavia, la coppia si sposò nel novembre 1682 e ebbe due figli, George Augustus e Sophia Dorothea di Hannover.

Tuttavia, non si avvicinarono più e la relazione divenne rapidamente turbolenta e tossica. George aveva delle amanti che sfoggiava regolarmente ed era fisicamente ed emotivamente violento nei confronti di Sophia Dorothea. Per rappresaglia, iniziò una storia d’amore con il conte svedese von Königsmarck. Quando George lo scoprì, impazzì. Alcuni suggeriscono che abbia tentato di strangolare Sophia Dorothea durante un acceso alterco. Dopo aver fallito nell’ucciderla, George sciolse il loro matrimonio e imprigionò la sua ex moglie fino alla sua morte trent’anni dopo. Nel frattempo von Königsmarck scomparve misteriosamente e non fu mai più visto. Si dice che sia stato assassinato per ordine di George.

La principessa Vittoria Melita e il granduca Ernesto d’Assia

 

La principessa Vittoria Granduca Ernesto

Hulton Deutsch/Getty Images

Il matrimonio della principessa Vittoria Melita, AKA Ducky, e del granduca Ernesto d’Assia fu inadeguato e scandalosamente scandaloso, anche per gli standard reali. La relazione era a dir poco non convenzionale e il loro divorzio nel 1901 provocò un’onda d’urto nella nobiltà europea, provocando l’esilio permanente di Ducky all’estero.

Ducky era la nipote della regina Vittoria e dello zar Alessandro II. Ernest era anche il nipote di Victoria, rendendo lui e la sua futura moglie cugini di primo grado. Tuttavia, questo non è un grosso problema per la monarchia. Victoria ha interpretato il ruolo di sensale tra Ducky ed Ernest, spingendoli a sposarsi. Tuttavia, nel suo libro “Inglorious Royal Marriages”, la storica Leslie Carroll affermò che non c’era attrazione sessuale tra i due. “[Ducky’s] I sentimenti per Ernie erano fraterni”, scrisse. Ducky aveva però sentimenti molto forti per un altro cugino di primo grado: il granduca Kirill Vladimirovich, “il cui aspetto ardente e il cui temperamento la rendevano nervosa”.

A Ernest non poteva importare di meno della passione di sua moglie per il duca. Era troppo impegnato a farsi strada nel personale maschile. “Nessun ragazzo era al sicuro, dagli stallieri all’aiuto in cucina”, ha condiviso Carroll. Non sorprende che il matrimonio fosse infelice e, col tempo, iniziarono a detestarsi a vicenda, impegnandosi in aspri litigi e gettando fango. Ma dovettero aspettare la morte di Victoria per divorziare. La loro separazione provocò indignazione tra l’élite: Ducky aumentò ulteriormente lo scandalo sposando Kirill e visse in esilio fino alla sua morte.

La principessa Margaret e Anthony Armstrong-Jones

 

La principessa Margaret Anthony Armstrong-Jones

Archivio Hulton/Getty Images

Nonostante fosse vicina alla regina Elisabetta II, la principessa Margaret, contessa di Snowdon, non ebbe vita facile per quanto riguarda la sua vita amorosa. Dovette lottare con le unghie e con i denti per sposare Anthony Armstrong-Jones, conte di Snowdon, nel maggio 1960 – dovette lottare ancora più duramente per divorziare da lui 17 anni dopo.

Inizialmente la coppia era perdutamente innamorata. Tuttavia, è diventato rapidamente tossico grazie al loro amore condiviso per le feste, il flirt e il combattimento. Le dive duellanti si affrontarono in privato e in pubblico, lasciando dietro di sé una scia di distruzione. Nel suo libro “Snowdon: The Biography” (tramite The Daily Mail), l’autrice Anne De Courcy afferma che le cose divennero così terribili tra la coppia reale che Armstrong-Jones salì su un tetto a Roma per sfuggire a Margaret. E una volta ha lasciato un elenco di “cose ​​che odio di te” in un libro che lei stava leggendo. “Sembri una manicure ebrea”, si leggeva in modo bizzarro.

Armstrong-Jones era infedele in modo impenitente e Margaret era possessiva e bisognosa: una combinazione sfortunata. Sentendosi abbandonata e ignorata, Margaret si imbarcò in una relazione. “Non era un amante bravo quanto te, tesoro”, assicurò ad Armstrong-Jones dopo essersi lasciata da una delle sue avventure. La regina fu ferma nel rifiutare di permettere a Margaret di divorziare. Tuttavia, dopo lo scoppio della guerra in piena regola, fu costretta ad acconsentire. Il New York Times ha osservato che la separazione era “parte della più grave crisi della famiglia reale da quando lo zio di Margaret, re Edoardo VIII, abdicò nel 1936 per sposarsi”. [Wallis Simpson].”

La principessa Anna e Mark Phillips

 

La principessa Anne Mark Phillips è triste

Tim Graham/Getty Images

Come Anthony Armstrong-Jones, conte di Snowdon, Anne, il primo marito della principessa reale, il capitano Mark Phillips era un cittadino comune. Tuttavia, circa 500 milioni di persone in tutto il mondo si sintonizzarono per guardare la coppia dire “Sì” in un sontuoso matrimonio reale presso l’Abbazia di Westminster nel novembre 1973.

Phillips incontrò Anne sul circuito equestre nel 1968, dove si unirono grazie alla loro passione per il salto ostacoli. Vinse l’oro nella gara di tre giorni a squadre ai Giochi Olimpici di Monaco del 1972, mentre Anne vinse l’oro ai Campionati Europei del 1971. Le competizioni continuarono durante il loro matrimonio, ed entrambi rappresentarono la Gran Bretagna in numerosi eventi di alto profilo. Purtroppo, però, il loro amore per i cavalli non è stato sufficiente a tenerli insieme. Si separarono nel 1989 e divorziarono nel 1992.

Il divorzio è stato complicato. Secondo Tatler, Phillips aveva avuto un figlio illegittimo nel 1985 in seguito a una relazione con un’insegnante d’arte neozelandese, Heather Tonkin. E le lettere appassionate tra Anne e il suo amante, il vice ammiraglio Sir Timothy Laurence, che in seguito divenne il suo secondo marito, furono rubate e trapelate ai tabloid nel 1989. Buckingham Palace scioccò il pubblico ammettendo l’esistenza delle lettere e confermando chi si trovassero tra loro. “Le lettere rubate sono state indirizzate alla Principessa Reale dal Comandante Timothy Laurence, scudiero della Regina. Non abbiamo nulla da dire sul contenuto delle lettere personali inviate a Sua Altezza Reale da un amico, che sono state rubate e sono oggetto di un’indagine della polizia ‘, ha annunciato in un comunicato (via The Mirror).

Il principe Andrea e Sarah Ferguson

 

Il principe Andrew Sarah Ferguson ridendo

Archivio Tom Stoddart/Getty Images

Il principe Andrea, duca di York, e Sarah, duchessa di York, alias Fergie dai capelli fiammeggianti, sono tra le coppie divorziate più felici del mondo. È stata lì per il suo ex marito caduto in disgrazia durante lo scandalo Jeffrey Epstein in corso, e i due vivono ancora insieme a Windsor nonostante si siano separati più di vent’anni fa. Tuttavia, la situazione non è sempre stata così rosea.

Andrew e Fergie si frequentarono per un anno prima che lui si inginocchiasse nel febbraio 1986. Cinque mesi dopo, si sposarono in un matrimonio da favola all’Abbazia di Westminster e diedero il benvenuto a due figli, la principessa Beatrice e la principessa Eugenie. Tutto andava bene finché non lo era più. Andrew e Fergie annunciarono formalmente la loro separazione nel marzo 1992 dopo che lei stava tradendo con il magnate del petrolio texano Steve Wyatt. Eppure lo scandalo era appena cominciato. I tabloid andarono in delirio dopo che Fergie fu fotografata mentre le succhiavano le dita dei piedi nel sud della Francia dall’amico di Wyatt nell’agosto 1992.

“L’artefice della sua umiliazione finale fu John Bryan, un uomo d’affari americano con un’elevata opinione delle sue abilità sessuali e finanziarie”, affermava il documentario del 1997 “Fergie: Downfall of the Duchess”. Era tutto troppo per la regina Elisabetta II. Ordinò alla coppia di gettare la spugna sul loro matrimonio sfortunato, molto contro i desideri di Fergie. “Non volevo il divorzio, ma dovevo farlo a causa delle circostanze”, ha detto ad Harper’s Bazaar nel 2007, ammettendo che è stato “il momento più doloroso della mia vita”.

Re Carlo III e la principessa Diana

 

La principessa Diana Re Carlo III

Archivio della principessa Diana/Getty Images

Il divorzio reale più complicato della storia recente è quello di re Carlo III e Diana, principessa del Galles. Il matrimonio era destinato a fallire ancor prima che Charles proponesse la proposta nel febbraio 1981. Il loro imbarazzante annuncio di fidanzamento fu doloroso. Entrambi erano visibilmente a disagio, e Charles sembrava che avrebbe preferito essere ovunque se non al fianco di Diana. “Ricordo di aver pensato a quanto fosse allegra, divertente e attraente una sedicenne”, ha detto Charles quando gli è stato chiesto quale fosse stata la sua prima impressione di Diana. “Qualunque cosa significhi amore”, ha risposto quando gli è stato chiesto se fossero innamorati.

Ben presto si scoprì che il posto in cui Charles voleva davvero essere era accanto alla sua ex fidanzata, la regina Camilla. Lui non aveva mai smesso di amarla, ed erano stati in costante contatto prima di intraprendere una vera e propria relazione nel 1986. Diana parlò di come la relazione tra Charles e Camila portò alla fine del suo matrimonio nella sua famigerata intervista “Panorama” del 1995. “Eravamo in tre in questo matrimonio, quindi era un po’ affollato,” ha detto.

Diana non voleva divorziare da Carlo, ma la loro aspra e pubblica guerra di parole divenne così tossica che persino la regina Elisabetta II ritenne essenziale che i due si separassero. Diana però non se n’è andata facilmente. Si rifiutava di passare in secondo piano e rendeva le cose quanto più imbarazzanti possibile per il suo ex. In cambio, dipinse Diana come mentalmente instabile e manipolatrice. Il loro disordinato divorzio si concluse nell’agosto del 1996 e Diana rimase uccisa in un incidente stradale un anno dopo.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top