HomepoliticsLa campagna di Trump usa la convinzione di Hunter per attaccare l'intera famiglia di Biden

La campagna di Trump usa la convinzione di Hunter per attaccare l’intera famiglia di Biden

 

Donald Trump a bocca aperta

Eva Marie Uzcategui/Getty Images

La possibilità di finire in prigione incombeva su Hunter Biden dopo essere stato dichiarato colpevole di tutti e tre i reati nel processo per possesso di armi, così come l’inevitabilità che sarebbe stato usato come pedina politica dai nemici di suo padre. Donald Trump era appena diventato lui stesso un criminale condannato quando è iniziato il processo di Hunter, quindi ovviamente avrebbe pesato sul verdetto di colpevolezza. Tuttavia, la tattica della campagna di Trump potrebbe non essere quella che alcune persone si aspettavano di vedere.

Se Hunter fosse stato dichiarato non colpevole, c’è un’alta probabilità che Donald avrebbe usato quel verdetto per lamentarsi di come il sistema legale fosse truccato solo contro di lui. È anche possibile che questo sia il risultato che sperava; potrebbe utilizzare uno scenario del genere per raccogliere fondi e alimentare indignazione durante le manifestazioni politiche. Invece, la sua campagna si è trovata a costruire una cospirazione con più strati della fetta di torta al cioccolato preferita di Paperino. (È servito a Mar-a-Lago, obvs.) Su X, precedentemente noto come Twitter, Donald Trump Jr. ha condiviso utilmente una dichiarazione della campagna di suo padre, perché non tutti gli aderenti al MAGA sono su Truth Social. “Questo processo non è stato altro che una distrazione dai crimini reali della famiglia criminale Biden, che ha rastrellato decine di milioni di dollari da Cina, Russia e Ucraina”, si legge in parte. Quindi Donald sostiene che il presidente Joe Biden abbia gettato suo figlio sotto l’autobus come tattica diversiva. È losco, ma molto diverso da quello che aveva detto in precedenza su Hunter.

Donald Trump una volta ha suggerito che Hunter Biden meritasse la pena di morte

 

Hunter Biden circondato dai media

Kent Nishimura/Getty Images

Donald Trump sta essenzialmente cercando di prendersi la sua torta Mar-a-Lago e di mangiarsela anche lui con la risposta della sua campagna alla condanna di Hunter Biden. Lui e il suo team hanno trovato il modo di continuare a sostenere che Joe Biden è un burattinaio che tira le fila del sistema legale americano, ottenendo anche la soddisfazione di vedere soffrire il familiare di un avversario politico. Per ironia della sorte, secondo l’ex procuratore federale Renato Mariotti, se c’è qualcuno che ha motivo di lamentarsi di un sistema truccato, quello è Hunter. Dei crimini che sono ora sulla fedina penale del primo figlio, ha twittato: “Questi crimini vengono raramente accusati”.

Le accuse di armi non sono nemmeno l’ultimo dei problemi legali di Hunter. Dovrà tornare in tribunale a settembre per un caso che coinvolge reati fiscali. Nel 2023, a Hunter è stato offerto un patteggiamento sia sulle tasse che sulle armi, ma in seguito è fallito. Un Trump furioso pensava che Hunter se la stesse cavando troppo facilmente. Del procuratore speciale David Weiss – che Trump ha nominato procuratore degli Stati Uniti in Delaware – l’ex presidente ha scritto su Truth Social (via X), “Ha emesso una multa invece di una condanna a morte. … Forse il giudice che presiede avrà il coraggio e l’intelletto per smantellare questa cloaca del crimine.” Quindi, anche se Trump ha notevolmente ammorbidito la sua posizione nei confronti di Hunter, ciò che non è cambiato è il suo tentativo di dipingere i Biden come una famiglia di criminali.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top