HomeNewsLa verità indicibile della matrigna di Alix Earle, Ashley Dupré

La verità indicibile della matrigna di Alix Earle, Ashley Dupré

Ashley Dupré nel 2011

Jason Laveris/Getty Images

Alla fine degli anni 2000, il nome di Ashley Dupré era avvolto nell’infamia. Poi, poco più che ventenne, si trovò al centro di un grave scandalo sessuale che coinvolse uno dei politici più potenti d’America e si ritrovò inghiottita dalla frenesia mediatica. Quando il fascino per lei è esploso, ha generato un flusso infinito di titoli sui giornali mentre i media scavavano sporcizia su di lei per soddisfare la sete apparentemente senza fondo del pubblico. È interessante notare che, mentre milioni di persone conoscevano il suo nome e il motivo noto della sua improvvisa fama, pochi conoscevano la vera donna dietro lo scandalo. “Tutti mi conoscono come ‘quella ragazza’, ma non sono solo ‘quella ragazza’”, ha detto in un’intervista del 2008 a People. “Ho molta profondità, molti livelli.”

Mentre è gradualmente scomparsa dalla vista del pubblico dopo essersi sposata ed essere diventata mamma, Dupré è stata riportata sotto i riflettori grazie alla crescente fama della sua figliastra, la superstar dei social media Alix Earle.

Allora, chi è la donna il cui nome è apparso in migliaia di sordidi titoli in quello che i media hanno soprannominato lo scandalo “Love Gov”? Continua a leggere per scoprire la verità indicibile sulla matrigna di Alix Earle, Ashley Dupré.

Ashley Dupré originariamente aspirava a diventare una cantante

 

Ashley Dupré alla sfilata del 2009

Brian Ach/Getty Images

Ashley Dupré – allora conosciuta con il suo vero nome, Ashley Youmans – scoprì per la prima volta di saper cantare quando il suo ragazzo, un musicista, la sentì cantare a squarciagola “Respect” dell’icona del soul Aretha Franklin mentre faceva la doccia. Come ha scritto sulla sua ormai defunta pagina MySpace (come dettagliato dal New York Times), il suo ragazzo è rimasto così colpito dalla sua voce che lui e il chitarrista della sua band l’hanno reclutata come loro cantante. Dupré ha scritto di essere andata in tournée con loro e di aver persino registrato con il gruppo. Tra le numerose influenze musicali a cui ha fatto riferimento sui social media c’erano Lauryn Hill, Patsy Cline, Christina Aguilera e Frank Sinatra. “Sono tutta incentrata sulla mia musica e la mia musica riguarda me”, ha dichiarato. “Scorre da quello che ho passato, quello che ho visto e come mi sento.”

Quando il nativo del New Jersey arrivò a New York nel 2004, Dupré aveva un obiettivo: ottenere un contratto discografico e diventare una star. A New York, “ha trascorso i primi due anni conoscendo la scena musicale, facendo rete nei club e connettendosi con l’industria”, ha scritto su MySpace. “Ora è tutta una questione di musica, è tutta una questione di esprimermi.”

Il suo percorso professionale, tuttavia, ha preso una traiettoria drasticamente diversa.

Non aveva intenzione di diventare una escort di lusso, è andata così

 

Ashley Dupré all'inaugurazione di The Yard

Jerritt Clark/Getty Images

L’aspirante cantante Ashley Dupré aveva 19 anni quando incontrò Jason Itzler nella hall di un hotel. Come ha detto Itzler al New York Daily News, le si è avvicinato e le ha offerto il suo biglietto da visita per la sua azienda, NY Confidential. Dopo aver esaminato il sito web dell’azienda, Dupré ha accertato che l’attività di Itzler era la prostituzione e lei era interessata. Due giorni dopo, lo chiamò. “Dice: ‘Ehi, Jason… voglio lavorare per te.’ Quando ho ripreso fiato ho detto: ‘Sai cosa faccio?'” ha detto Itzler al Daily News. “Lei dice: ‘Sì’. Ho detto: ‘Vieni qui'”.

Dupré ha dimostrato di avere un talento naturale; in effetti, Itzler era così felice che le regalò un paio di Manolo Blahnik da $ 2.000 dopo il suo primo appuntamento. In poco tempo, sarebbe diventata una delle preferite della sua ricca clientela. “Questa era probabilmente la ragazza più sexy e calda che ho avuto”, ha dichiarato Itzler. “Le piaceva, come un pesce nell’acqua”, ha detto della sua prestazione sul lavoro come escort di alta classe i cui clienti sborsavano 1.000 dollari l’ora per godere dei suoi servizi. “Quasi come un attore sul palco di Broadway. Vivo, sai?”

Apparendo al “The Judith Regan Show” di SiriusXM, Dupré ha spiegato il semplice motivo per cui ha scelto di diventare una prostituta. “Per quanto mi riguarda, facevo tre lavori e non potevo permettermi l’affitto”, ha detto.

Era al centro di un grande scandalo sessuale politico

 

Elliot Spitzer si dimette

Chris Hondros/Getty Images

Nel marzo 2008, un’indagine federale su un giro di prostituzione ha portato a un’intercettazione telefonica che ha sorprendentemente rivelato il coinvolgimento di Elliot Spitzer, allora governatore di New York. Ulteriori scavi hanno scoperto che Spitzer era un cliente abituale che aveva speso ben 80.000 dollari in escort. Ciò portò Spitzer a essere arrestato in un’operazione di puntura, con una dichiarazione giurata federale in cui si affermava che si era registrato in un hotel di Washington, DC sotto falso nome per dormire con una scorta identificata come Kristen.

Il New York Times è stato il primo organo di stampa a identificare Kristen come Ashley Dupré; secondo il Times, non era stata accusata ma era stata arruolata come testimone per testimoniare contro le quattro persone accusate di gestire l’anello, conosciute come Emperor’s Club VIP. “Questo è stato un momento molto difficile. È complicato,” Dupré ha detto al Times, apertamente preoccupata per come sarebbe stata percepita ora che la sua identità era stata resa pubblica. “Semplicemente non voglio essere considerata un mostro”, si preoccupava.

Pochi giorni dopo la denuncia dello scandalo, Spitzer si dimise da governatore. “Sono profondamente dispiaciuto di non essere stato all’altezza di ciò che ci si aspettava da me”, ha detto nel suo breve discorso mentre sua moglie Silda stava stoicamente al fianco del marito infedele.

È diventata una famigerata celebrità dei tabloid

 

Ashley Dupré per strada nel 2009

Ray Tamarra/Getty Images

Dopo essere stata dichiarata la escort che ha fatto cadere Elliot Spitzer, il nome di Ashley Dupré ha iniziato ad apparire frequentemente nei media. Il Bergen Record ha contattato i membri della sua famiglia nel New Jersey, apprendendo che era cresciuta in un ambiente di classe medio-alta. La zia di Dupré, Barbara Youmans, ha rivelato che lei e altri parenti non avevano idea che Dupré si fosse dedicato al lavoro sessuale. “Pensavamo che tutto andasse bene e che stesse andando alla grande”, ha detto Youmans gettando anche un po’ d’ombra a Dupré. “Francamente”, ha aggiunto Youmans, “per quanto la amiamo, era una mocciosa viziata”.

Allo stesso modo il New York Daily News ha scavato, trovando fonti che ricordavano i suoi vestiti costosi e le sue vacanze sontuose. “Se era una prostituta, lo nascondeva bene”, ha rivelato una fonte. Nel frattempo, un ex compagno di classe del liceo sosteneva che Dupré aveva una “cattiva reputazione” e frequentava una folla più vecchia di lei. Nel frattempo, un altro rapporto dallo stesso punto vendita era pieno di affermazioni sul suo uso di droga. “L’ho vista fare uso di cocaina”, ha detto un “amico” non identificato, mentre un altro l’avrebbe vista consumare “più sacchi” di quella roba in una sola sera. “Si chiudeva in una cabina nel bagno e sbuffava”, ha affermato la fonte.

Il nonno di Dupré, Peter Capalbo, sembrava prendere con calma la sua nuova notorietà. “Non posso farci niente”, ha detto. “Quello che ha fatto, l’ha fatto.”

Ha rifiutato un sacco di soldi per posare nuda, finché Playboy non ha chiamato

 

Ashley Dupré sulla copertina di Playboy

I Giovani Turchi/YouTube

Man mano che la notorietà di Ashley Dupré cresceva, crescevano anche le opportunità di sfruttare l’apparentemente insaziabile curiosità del pubblico nei suoi confronti. Ciò era evidente nel traffico verso la sua pagina MySpace, che aveva ricevuto l’incredibile cifra di 9 milioni di visualizzazioni in seguito allo scandalo Elliot Spitzer. Pochi giorni dopo le dimissioni di Spitzer, l’editore di Hustler Larry Flynt le offrì un bel milione per posare nuda per la sua rivista XXX. “Un milione di dollari è più di quello che guadagnerebbe come squillo”, ha detto Flynt, come riportato da Bloomberg. “È piuttosto attraente. Forse Spitzer non stava pagando troppo, dopo tutto.'”

Anche la rivista rivale di nudità Penthouse ha fatto aperture a Dupré. Marc Bell, CEO di Penthouse Media Group Inc., ha detto a Bloomberg che la società aveva varie opportunità da offrirle ma non ha rivelato quanti soldi ci fossero sul tavolo. Le consigliò però di battere il ferro finché era ancora caldo. “È una novità”, ha detto Bell. “Prima fa qualcosa, più soldi può guadagnare. Per quanto ne sai, ci sarà qualcun altro che distoglierà da lei l’attenzione delle notizie.

Quella previsione si è rivelata errata. Due anni dopo, il fascino del pubblico per Dupré era ancora abbastanza forte da farla apparire su una copertina di Playboy del 2010 e posare per alcune foto piccanti all’interno della rivista stessa.

Ha scritto una rubrica di consigli sul giornale

 

Ashley Dupré nel video per il New York Post

Il New York Post/YouTube

Nel dicembre 2009, il New York Post ha assunto Ashley Dupré per scrivere una rubrica di consigli, “Chiedi ad Ashley”, incentrata su amore, sesso e relazioni. In un video che annuncia il suo nuovo incarico, Dupré ha spiegato perché era qualificata in modo univoco per fornire consulenza. “Prendetelo da me, qualcuno a cui avrebbe fatto bene un piccolo consiglio in passato”, ha detto. “Non c’è niente di meglio che imparare dalle esperienze di qualcun altro.”

“Ask Ashley” continuò per alcuni anni: nel 2010, infatti, dedicò tutta la sua rubrica alla sua diffusione su Playboy, spiegando perché scelse di aspettare fino a due anni dopo lo scandalo “Love Gov”. “Ho passato gli ultimi due anni cercando di essere conosciuta come qualcosa di diverso da una prostituta”, ha scritto. “Potresti trovarlo scioccante, ma è un po’ difficile rassegnarsi.” Come ha sottolineato, diventare un’insegnante di terza elementare – il lavoro che immaginava per se stessa se la sua carriera musicale non avesse avuto successo – era comprensibilmente ora una cosa impossibile. “Alla fine, sto solo cercando di sfruttare al meglio la mia situazione e costruirmi una vita onesta”, ha detto.

Ha chiuso la sua carriera come editorialista di consulenza quasi tre anni dopo, scrivendo la sua ultima rubrica nel maggio 2012. Stava andando avanti, ha spiegato, per concentrarsi su Femme by Ashley, un negozio di lingerie e costumi da bagno che aveva aperto a Red Banca, New Jersey.

La causa da 10 milioni di dollari di Ashley Dupré contro Girls Gone Wild è fallita

 

Ashley Dupré nel video di Girls Gone Wild

L’Associated Press/YouTube

Nel bel mezzo della notorietà di Ashley Dupré dopo lo scandalo Spitzer, un’altra offerta di posare nuda è arrivata dal fondatore di “Girls Gone Wild”, Joe Francis. Come è successo, Francis ha controllato i suoi archivi e ha scoperto di avere già filmati di Dupré nudo. Secondo un comunicato stampa, le foto sono state scattate mentre Dupré era in vacanza a Miami per festeggiare il suo 18esimo compleanno. “Mi farà risparmiare un milione di dollari”, ha detto Francis all’Associated Press, confermando che la sua offerta non era più sul tavolo. “È un po’ come trovare un biglietto vincente della lotteria tra i cuscini del tuo divano.”

Un problema è emerso quando l’avvocato di Dupré, Don Buchwald, ha detto a TMZ che il video – in cui mostrava il seno – è stato girato più di un mese prima che compisse 18 anni, quando era ancora minorenne. Dupré ha citato in giudizio Francis, chiedendo 10 milioni di dollari di risarcimento danni. Francis, tuttavia, ha insistito sul fatto di avere sia un documento d’identità che contrastasse le sue affermazioni di essere minorenne sia il suo consenso ad apparire nei video di “Girls Gone Wild”.

La trama si infittì quando un’altra donna, Amber Arpaio, fece causa a Francis; rivendicò la patente di guida che Dupré usava per dimostrare che la sua età era effettivamente la sua, che aveva perso ed era in qualche modo entrata in possesso di Dupré. Dupré successivamente ha ritirato la causa. Quasi un decennio dopo, nel 2016, un giudice ha ordinato a Francis di pagare ad Arpaio 3 milioni di dollari.

Ha frequentato un membro dello staff dell’Howard Stern Show

 

JD Harmeyer e Ashley Dupré hanno un appuntamento

TMZ

Nel 2010, Ashley Dupré è passata al “The Howard Stern Show” per promuovere la sua rubrica di consigli sul New York Post. Quell’apparizione l’ha portata ad uscire con lo staff dello spettacolo JD Harmeyer.

Harmeyer – noto ai fan di Stern per i suoi mormorii incoerenti e per la sua ammissione di essere passato più di un anno senza lavare le lenzuola del suo letto – finì per recarsi a Los Angeles per portare Dupré fuori per una serata in città. TMZ ha incontrato la coppia mentre erano nel bel mezzo del loro appuntamento. Mentre Dupré evitava abilmente i paparazzi e si dirigeva dritto verso la loro macchina, Harmeyer è stato bombardato di domande – e persino di consigli non richiesti, quando uno dei papà gli ha detto di discutere di politica con lei. Quando Harmeyer salì nel veicolo, nel quale era già seduto Dupré, uno dei paparazzi le gridò una domanda un po’ presuntuosa. “Ehi Ashley, cosa avete intenzione di fare per colazione?” chiese il ragazzo.

Anche se l’appuntamento sembrava andare bene, non è stata una partita perfetta, con Dupré e Harmeyer che alla fine si sono separati.

Ha avuto una breve carriera come pop star di MySpace

 

Ashley Dupré all'evento del 2010

Dimitrios Kambouris/Getty Images

Nei giorni successivi allo scandalo sessuale di Elliot Spitzer, la pagina MySpace di Ashley Dupré, che inizialmente aveva creato per promuovere le sue aspirazioni canore, è esplosa. Il suo account MySpace ospitava una demo di un singolo pop che aveva registrato, “What We Want”, che divenne un successo online quando fu trasmesso in streaming più di 900.000 volte. La canzone ha ricevuto anche qualche legittima trasmissione radiofonica sullo Z100 di New York, almeno fino a quando la novità non si è esaurita. Ha quindi caricato la canzone su Amie Street, un rivenditore di musica online, dove poteva essere scaricata al costo di 98 centesimi. Secondo il New York Daily News, la canzone è stata ascoltata quasi 300.000 volte, guadagnandole una bella ricompensa di $ 200.000.

Lo ha seguito con un secondo singolo, “Move Ya Body”. Secondo HuffPost, quelle due canzoni sono state ascoltate insieme mezzo milione di volte. Tuttavia, c’era una certa confusione su quanto effettivamente guadagnasse. Anche se Amie Street ha rivelato quante volte le sue canzoni sono state ascoltate, il sito non ha rivelato quante persone abbiano effettivamente pagato per scaricarle. Secondo una stima di Alley Insider, ciò che aveva effettivamente guadagnato era probabilmente più o meno intorno ai $ 13.000.

Nel settembre 2009, ha pubblicato un altro singolo, “I Feel So Alive Without You”, seguito nel 2010 da “Inside Out”. Entrambe queste ultime canzoni possono essere ascoltate in streaming su Spotify, dove Dupré ha sei ascoltatori mensili.

Ashley Dupré si dilettava nei reality

 

Ashley Dupré e le sue co-protagoniste di Famous Food in posa

Amanda Edwards/Getty Images

Anche se i sogni di celebrità della musica di Ashley Dupré potrebbero non essersi avverati, ha dimostrato di avere un’abile abilità nel prolungare i suoi 15 minuti di fama. Nel luglio 2008, quattro mesi dopo lo scoppio dello scandalo Spitzer, E! Le notizie hanno riferito che era nel bel mezzo dello sviluppo di un reality show di appuntamenti. “Stanno parlando con MTV del fatto che Ashley diventi la prossima Tila Tequila”, ha detto una fonte al punto vendita. Sono emersi ulteriori dettagli, rivelando l’idea che Dupré avrebbe dovuto ospitare uno spettacolo di appuntamenti descritto come un incrocio tra “Cenerentola” e “Pretty Woman”.

Anche se dal progetto non è mai venuto fuori nulla, Dupré è finalmente entrata nel regno dei reality nel 2010 quando è apparsa in un episodio di “Kell on Earth”, la serie Bravo di breve durata incentrata sull’esperta di pubbliche relazioni Kelly Cutrone, che era diventata famosa. tramite il reality di successo di MTV “The Hills”. Descritta nel testo sullo schermo come “l’amica di Kelly”, la presenza di Dupré in prima fila a una sfilata di moda di Yigal Azrouël è stata determinante nel licenziamento dell’azienda di Cutrone, People’s Revolution, da parte dello stilista.

Dupré ha avuto un ruolo molto più magro l’anno successivo, quando è stata una delle star della serie VH1 “Famous Food”, in cui lei e molte altre celebrità (tra cui l’allume di “The Hills” Heidi Montag, ex “Real Housewives of New Jersey ” la star Danielle Staub, l’ex “Bachelor” Jake Pavelka e l’attore “I Soprani” Vincent Pastore) hanno tentato di aprire un ristorante.

Il suo matrimonio con il padre di Alix Earle ha generato polemiche e bambini

 

TJ Earle e Ashley Dupré a cena nel 2012

Arnaldo Magnani/Getty Images

Pochi mesi dopo aver fatto notizia per lo scandalo Spitzer, la 23enne Ashley Dupré si è ritrovata di nuovo in prima pagina per l’ennesima relazione scandalosa. Questa volta, non era con un potente politico ma sposò il magnate dell’edilizia del New Jersey Thomas “JT” Earle, padre della futura sensazione dei social media Alix Earle. Come riportato dal New York Post, Earle aveva una relazione con Dupré. “TJ ha commesso un grave errore”, ha detto al Post il suo avvocato, Mitchell Ansell. “TJ ha accettato la piena responsabilità: non sta incolpando nessun altro.”

Nonostante quel pubblico mea culpa, la vicenda non finì. Alla fine Earle divorziò dalla moglie e, nel 2012, Dupré rivelò che lei ed Earle erano fidanzati e che la coppia aspettava un figlio. “A quanto pare, sì, posso confermare che sono quasi sette mesi”, ha detto Dupre a Page Six. “Non posso ancora dirti quando sarà la data del matrimonio.” Hanno accolto una figlia, Izabel Jagger, e si sono sposati nel 2013. Successivamente hanno avuto un’altra figlia, Penelope.

Nel 2015, Dupre è andata su Instagram per annunciare che avrebbe chiuso la sua boutique, Femme by Ashley, per poter essere una mamma casalinga. “Ma man mano che i miei figli crescono, mi rendo conto che posso sempre riaprire Femme, ma non avrò un’altra possibilità di crescere e godermi i miei figli”, ha scritto. “Così ho preso la difficile decisione di chiudere Femme e concentrare il mio tempo su Izabel e Penelope.”

La sua relazione con Alix Earle è iniziata gelida ma si è riscaldata

 

TJ Earle, Alix Earle e Ashley Dupré in posa

Alexander Tamargo/Getty Images

Quando Ashley Dupré sposò TJ Earle, non solo divenne sua moglie, ma matrigna delle due figlie che condivise con la sua prima moglie, Alisa, una delle quali è Alix Earle.

Secondo Earle, il suo rapporto con Dupré all’inizio non fu proprio cordiale, visto il passato scandaloso dell’ex escort e il ruolo che aveva avuto nel divorzio dei suoi genitori. “Volevo staccarle la testa”, ha detto Earle dei suoi sentimenti iniziali nei confronti di Dupré durante un’apparizione sul podcast “Call Her Daddy” di Alex Cooper (tramite E! News). Oltre alla sua rabbia privata, Earle dovette anche affrontare l’umiliazione pubblica di suo padre che lasciò sua madre per una ex prostituta la cui pretesa di fama veniva pagata per andare a letto con l’ex governatore di New York. Ciò è entrato in gioco quando uno dei suoi insegnanti ha discusso dello scandalo Spitzer durante una lezione di storia – con i compagni di classe di Earle ben consapevoli che Dupré era la sua matrigna. “Ho lasciato la scuola piangendo a dirotto”, ha ricordato Earle. “Ero così imbarazzato.”

Nel corso degli anni, però, il rapporto di Earle con Dupré è migliorato notevolmente. In un’intervista con Elle, Earle ha rivelato che i due ora sono “molto vicini, e siamo arrivati ​​a un buon punto. Qualunque cosa sia accaduta in passato, l’abbiamo superata tutti come famiglia”.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top