HomeHOLLYWOODSpiegato il presunto coinvolgimento di Diddy nella morte di Tupac

Spiegato il presunto coinvolgimento di Diddy nella morte di Tupac

Diddy indossa un bottone grigio

Paras Griffin/Getty Images

Per decenni, i dettagli sull’omicidio di Tupac Shakur sono rimasti in gran parte un mistero. Sebbene fosse risaputo che il leggendario rapper morì a causa delle ferite riportate poco meno di una settimana dopo essere stato colpito quattro volte in un incidente a Las Vegas nel 1996, nessuno poteva indicare chi avesse sparato. Sebbene circolassero molte teorie su chi fosse responsabile, le prove concrete erano sfuggenti. Tra le accuse ce n’era una rivolta direttamente a Sean “Diddy” Combs, basata sulle affermazioni di Duane “Keffe D” Davis, l’unico individuo mai arrestato in relazione all’omicidio e che l’ufficiale di polizia in pensione Greg Kading dice essere stato “l’ultimo uomo rimasto tra gli individui che hanno cospirato per uccidere Tupac,” come notato da AP News. Secondo Keffe D, è stato Diddy a ordinare l’omicidio di Tupac.

Ci sono voluti quasi tre decenni perché le autorità arrestassero qualcuno per l’omicidio di Tupac. Nel settembre 2023, la polizia ha preso in custodia Keffe D, collegandolo direttamente al delitto. “Duane Davis è stato colui che ha chiamato in causa questo gruppo di individui che hanno commesso questo crimine, e ha orchestrato il piano che è stato portato a termine”, ha detto in una nota il tenente della omicidi della polizia di Las Vegas Jason Johansson. Successivamente è stato accusato di omicidio con l’uso di un’arma mortale, di cui si è dichiarato non colpevole.

Come riportato dalla CNN, la polizia ha anche ipotizzato che Keffe D “abbia iniziato a escogitare un piano per procurarsi un’arma da fuoco e vendicarsi contro Suge Knight e il signor Shakur” dopo aver appreso che i due avevano aggredito suo nipote, Orlando Anderson, quella stessa notte. Tuttavia, Keffe D sosteneva che la direttiva di uccidere Tupac proveniva da Diddy.

Keffe D ha detto che Diddy si è offerto di pagarlo per uccidere Tupac

Keffe D in tribunale

Piscina/Getty Images

Alla fine degli anni 2000, in base a un accordo con le autorità, Keffe D fece una rivelazione scioccante a Greg Kading, un ex detective della polizia di Los Angeles che aveva lavorato per anni sul caso di Tupac e successivamente pubblicò un libro sull’argomento. Keffe D affermò che Sean “Diddy” Comb gli offrì 1 milione di dollari per assassinare Tupac e Marion Hugh “Suge” Knight Jr., il capo della Death Row Records, una rivale della Bad Boy Records di Diddy.

Nelle interviste recensite da LA Weekly, Keffe D ha affermato che l’obiettivo iniziale era Suge, scatenato da un insulto pubblico durante una premiazione. “Mi ha portato di sotto e… [Diddy’s] tipo, ‘Amico, voglio sbarazzarmi di quei ragazzi, amico.’… E io, ‘Li spazzeremo via velocemente, amico. Non è niente,'” Tuttavia, Tupac entrò in scena dopo l’uscita del brano “Hit ‘Em Up”, che insultava direttamente Diddy. [Combs] fuori,'” ha detto Keffe D. Anche se Keffe D ha per lo più portato a termine l’accordo (Suge è riuscito a sopravvivere), non ha mai ricevuto il pagamento che gli era stato promesso, il che ha contribuito alla sua decisione di rompere il silenzio. “Se avesse semplicemente dato noi la metà dei soldi, sarei rimasto forte.”

Finora solo Keffe D ha fatto queste affermazioni, quindi non c’è modo di dire se qualcosa di ciò sia vero. Secondo Kading, più persone dovrebbero portare avanti affermazioni simili. “Avranno bisogno di testimoni molto credibili”, ha detto a Rolling Stone. “Se quelle persone esistano o no, non lo so. Ho sempre dato un avvertimento all’intera connessione con ‘Puffy’ Combs.”

Diddy ha sempre sostenuto la sua innocenza

 

Tupac in posa

Raymond Boyd/Getty Images

Da quando le affermazioni di Keffe D sono state rese pubbliche, Diddy ha cercato attivamente di confutarle. Ha inviato un’e-mail a LA Weekly dicendo al punto vendita che “la storia è pura finzione e completamente ridicola”. Il produttore ha ribadito la sua smentita anche nel 2016, quando il libro di Greg Kading è stato pubblicato come documentario. “Non parliamo di sciocchezze. Non pensiamo nemmeno a sciocchezze, fratello mio. Non ci andremo nemmeno, con tutto il rispetto”, ha detto in un’intervista a “The Breakfast Club”.

Diddy ha anche preso provvedimenti per assicurare personalmente la famiglia di Tupac della sua innocenza. Mopreme Shakur, il fratellastro di Tupac, ha rivelato nel podcast “The Art of Dialogue” che Diddy lo ha contattato nel 2008 per affrontare direttamente le voci. “Puff mi ha chiamato in passato. Mi ha detto: ‘Voglio solo che tu sappia che non ho niente a che fare con tuo fratello’. [murder]. So chi sei, ma non ci siamo mai incontrati e voglio solo chiamarti da uomo a uomo e farti sapere che non ho niente a che fare con la morte di tuo fratello,'” ha detto. “Gli ho detto che apprezzo il fatto chiama, ma la verità deve ancora venire fuori, quindi vedremo.”

La chiamata di Diddy apparentemente coincise con un articolo del 2008 sul Los Angeles Times che suggeriva il suo coinvolgimento in un attacco del 1994 a Tupac, che il giornale successivamente ritrattò. Il Times in seguito ha riconosciuto che l’articolo “ha creato l’impressione che Combs fosse coinvolto nell’organizzazione dell’attacco” e che “desidera correggere quell’impressione errata, che non era né dichiarata nell’articolo né intesa”.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top