HomepoliticsUna delle frecciate di Donald Trump nei confronti di Hillary Clinton si è ritorta contro di lui

Una delle frecciate di Donald Trump nei confronti di Hillary Clinton si è ritorta contro di lui

 

Donald Trump dietro una recinzione

Luke Hales/Getty Images

Nel 2016, Donald Trump aveva molto da dire sul server di posta elettronica di Hillary Clinton e ha persino contribuito alle richieste dei suoi sostenitori per il suo arresto. Tuttavia, sulla scia del suo verdetto di colpevolezza nel processo del silenzio, ha cantato una melodia molto diversa su Fox News. Certo, questa volta sarà un po’ difficile per lui definirle “fake news”. Per prendere in prestito da Lisa Barlow, “filmati”.

Nella sua intervista con “Will Cain Show” di Fox News, Trump ha cercato di fare marcia indietro sulle sue precedenti richieste di arresto di Clinton. “Non ho detto di rinchiuderla, ma tutte le persone dicevano: ‘Rinchiudetela, rinchiudetela’”, ha spiegato. Ora, vale la pena notare che all’inizio Trump ha cercato di dissuadere i suoi sostenitori dall’usarlo. Tuttavia, l’ex presidente ha affermato di non aver mai avuto nulla a che fare con tutto ciò. Beh, per usare ancora un altro momento da “Real Housewives”, rasenta un po’ la finta amnesia.

Per cominciare, c’è stato il discorso di Trump a San Jose del 2016, in cui ha risposto alle accuse di frode di Clinton con una frase molto inequivocabile: “Hillary Clinton deve andare in prigione, ok? Deve andare in prigione”. Poi, c’è stata la sua manifestazione in Colorado nel luglio 2016, dove ha chiarito che aveva finito di cercare di impedire ai suoi sostenitori di usare il canto. “Ho detto: ‘Battiamola l’8 novembre’, ma sai una cosa? Comincio a essere d’accordo con te.” Ma quello era solo l’inizio.

Trump ha minacciato di indagare su Hillary Clinton

 

Donald Trump indica

Jonah Elkowitz/Shutterstock

Oltre a Donald Trump che alla fine è saltato sul carro del “Rinchiudetela” (che, ancora una volta, ha contribuito a avviare, anche se all’inizio non ha usato quelle esatte parole), ha anche fatto un’affermazione molto audace più vicina a l’elezione. Come parte dei suoi contributi al secondo dibattito presidenziale contro Clinton, non ha usato mezzi termini. “Se vinco, darò istruzioni al mio procuratore generale affinché un procuratore speciale esamini la tua situazione”, ha minacciato. Sembra un po’ come sostenere che i suoi oppositori vadano in prigione, ma forse ci manca solo qualcosa.

In particolare, Trump non ha finito per inseguire Clinton dopo aver vinto le elezioni. In effetti, parlando al New York Times, sembrava un po’ contrito per la situazione. “Non voglio ferire i Clinton, davvero non… La campagna è stata feroce”, ha detto. Questo era qualcosa su cui sembrava raddoppiare nella sua intervista a Fox News. “Avrei potuto farlo, ma sentivo che sarebbe stata una cosa terribile”, ha affermato.

Questa è un’ammissione abbastanza chiara di aver fatto una promessa ai sostenitori che non aveva mai avuto intenzione di mantenere, ma stiamo divagando.

Trump ha accennato a perseguire i suoi oppositori in futuro

 

Donald Trump punta il dito

Luke Hales/Getty Images

Nella sua intervista a Fox News, Donald Trump ha paragonato il suo atteggiamento ammorbidito a quello di un combattente UFC che ha abbracciato il suo avversario nonostante i mesi di animosità che hanno preceduto lo scontro. Ha anche ammesso che allontanarsi dalla situazione è stato molto più facile per lui perché ne era uscito vincitore. Tuttavia, ora che i ruoli sono invertiti, non scommetteremmo sul fatto che prenda di petto la sua sconfitta in campo.

Non stiamo esattamente esagerando nel dirlo. Al contrario, in un’altra intervista successiva al verdetto di colpevolezza, l’ex presidente ha apparentemente lasciato intendere che non era contrario a ritorsioni avviando indagini penali contro i suoi avversari in futuro. Parlando di perseguire i futuri presidenti, Trump ha detto a Newsmax: “È molto probabile che debba succedere a loro”.

Naturalmente, avrebbe potuto riferirsi alla possibilità che i presidenti venissero perseguiti in generale. Tuttavia, dato che Trump aveva già affermato nel 2023 che, se avesse vinto le elezioni del 2024, avrebbe avuto tutta l’intenzione di portare Joe Biden in tribunale, ciò sembra improbabile. Come ha detto in un discorso ai sostenitori, “nominerò un vero procuratore speciale per perseguire il presidente più corrotto della storia d’America, Joe Biden, e perseguire la famiglia criminale Biden” (via AP). Il tempo dirà se si trattava semplicemente di un’altra vuota minaccia.

Related Articles

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Top